La passione chiama, il popolo delle due ruote risponde. L’EICMA di Milano si conferma sempre di più come evento clou del settore, capace di catalizzare l’attenzione di una schiera sempre crescente di appassionati. I numeri parlano chiaro: + 47,54% di presenze rispetto al 2018, arrivando a sfiorare gli 800.000 visitatori

LE CASE MOTOCICLISTICHE, dal canto loro, hanno reagito bene al delicato passaggio tra normative (dalla Euro4 alla Euro5): nessuna grande rivoluzione - di fatto, quella elettrica, se ci sarà, almeno nelle due ruote è ancora di là da venire - ma un’attenta revisione della propria gamma con l’aggiunta di novità convincenti, capaci di intrigare il pubblico e, in alcuni casi, persino di far sognare. Come chi ha fatto chi ha poggiato gli occhi sulla nuova Honda CBR1000RR-R Fireblade, hypersportiva nata per dominare nel campionato SBK, o sulle sbriciolagomme Ducati StreetFighter e MV Agusta Brutale 1000 RR.
QUI abbiamo sintetizzato, rigorosamente in ordine sparso, quelle che, per noi, sono state le novità più interessanti viste al Salone.

NON MANCANO POI I CONCEPT CHE ANTICIPANO IL FUTURO, dall’affascinante 901 Norden, interpretazione stilosa del mondo adventure da parte di Husqvarna, all’Aprilia Tuono 660, passando per la sofisiticata MV Agusta Rush 1000, preview milanese della futura Dragster 1000.

MOLTO SODDISFATTO” dei risultati il Presidente di EICMA S.p.A. Andrea Dell’Orto, che in una nota diffusa stamane ha elogiato “l’ottimo lavoro della tecnostruttura organizzativa” e ringraziato, con “tutti gli espositori e l’industria delle due ruote, anche i singoli componenti del CdA per aver condiviso e sostenuto il percorso che ci ha portato a questo successo”.

Quello trascorso dalla scorsa edizioneha spiegato Dell’Ortoè stato infatti un anno molto impegnativo, durante il quale abbiamo messo in campo una serie di importanti investimenti strategici, a diverse latitudini, che ci hanno permesso di alzare ulteriormente il valore indiscusso del nostro evento espositivo. Non era facile, ma dopo questa sei giorni entusiasmante possiamo affermare con orgoglio di essere ancora più attrattivi, più competitivi e imprescindibili per il settore e di aver contribuito in maniera inequivocabile a riempire EICMA di novità”.