In tempi di Coronavirus è giusto anche che si parli di moto. Magari non ancora dei giretti domenicali, ma di ciò che vedremo presto sul mercato. Una delle novità più attese per questo tribolato 2020 è senza dubbio la nuova RS 660, la sportiva stradale di casa Aprilia che ha fatto il pieno di apprezzamenti, ma che ora molti vorrebbero vedere su strada. E ne hanno ben donde. La bicilindrica veneta ha tanti punti a favore per riscuotere un buon successo commerciale e già a Maggio, virus permettendo, ci sarà una succosa anteprima per gli appassionati: in occasione degli 'All Stars' Aprilia la si potrà ammirare in azione sul tracciato del Mugello in mano ai piloti attuali ed anche passati (leggi Max Biaggi, ambassador della Casa veneta)

RS 660: TECNICA

Da Noale nessuna conferma ufficiale, ma qualche dato è già sgusciato fuori dalle segrete stanze. Per il motore bicilindrico parallelo da 100 CV (95 in versione Patente A2 "ready") si parla di valori di alesaggio e corsa da 81x63.9 mm che portano ad una cilindrata effettiva di 658 cc.

La zona rossa del contagiri dovrebbe attestarsi a quota 11.500 giri. Valori che dicono molto su quello che sarà il carattere del motore: in questa configurazione, e con i suddetti valori caratteristici di A/C, il bicilindrico promette un bel tiro dai medio/bassi abbinato ad un allungo più che buono considerando i due cilindri. Un motore, quindi, godibilisssimo nella guida su strada, ma che può regalare - volendo - divertimento anche in pista, soprattutto sui circuiti lenti e medio veloci. 
Per il resto si conferma quanto già dichiarato: quindi forcella con steli rovesciati da 41 mm Kayaba pluriregolabile, peso di 169 Kg (a secco).

RS 660: DISPONIBILITà

Qui veniamo un po' alle note dolenti. Al momento, nonostante l'emergenza del Covid-19, la produzione a Scorzè non pare abbia subito grossi contraccolpi e dopo uno stop di 4 giorni, con le dovute precauzioni, necessarie alla sicurezza dei lavoratori, i tempi tecnici sono al momento rispettati. La RS 660 però la vedremo solo in estate inoltrata, quindi un po' lunga sulla stagione. C'è da aggiungere che per Noale la RS è da vedersi praticamente come modello 2021, questo giustificherebbe l'arrivo a stagione avanzata di una moto che in molti attendono.

Aspettando Aprilia RS 660: la comprereste una sportiva?