Il passaggio (obbligatorio per legge) dal livello Euro 4 a quello Euro 5 in materia di emissioni inquinanti ha "costretto" lo staff Aprilia a rimetter mano nuovamente alla RSV4: nessuna fatica, bensì un'operazione diventata ormai tradizione, che ogni volta migliora la SBK di Noale, ne aumenta il prestigio e l'attrazione verso la clientela. Nel caso della RSV4 2021, (leggi qui per la nostra presentazione), la novità più evidente riguardava il design con le alette aerodinamiche (dalle più estese superfici) non più elemento aggiuntivo nelle fiancate, ma vere e proprie appendici integrate nella carenatura. Le hanno viste dal vivo in Portogallo, in una concessionaria della zona di Ericeira, nell'hinterland di Lisbona, e le foto scattate nel dealer sono già circolate sui social, dando così l'opportunità ad appassionati e addetti ai lavori di vedere le alette, ma anche le nuove livree e l'inedito impianto di scarico della moto.

NUOVO DESIGN: ALETTE, LIVREE E SCARICO NUOVO

La RSV4 2021 nasce infatti dal design della "sorella" RS660. L'aerodinamica sviluppata per la SBK richiama infatti quello della supersportiva. Oltre ad aver migliorato il coefficiente di resistenza e la sovrapressione dell'aria nell’airbox, spicca la nuova impostazione delle alette, parte integrante della carrozzeria e testimonianza di un nuovo corso stilistico all'interno dell'universo a due ruote e delle Case motoristiche, tra chi vede le novità come un passo in avanti dal punto di vista tecnico e chi invece una mera questione di marketing. Favorevoli o meno, i deflettori della RSV4 2021 aiutano a migliorare la stabilità del modello alle alte velocità, a raffreddare meglio il motore e a deviare i flussi d'aria calda dal pilota.

Si lascia poi ammirare la nuova livrea che da Noale hanno reso disponibile: la "Reggiani", che caratterizza la versione Factory - quella più esclusiva, con i cerchi in alluminio forgiato, le sospensioni semiattive Öhlins Smart EC 2.0 e le pinze Brembo Stylema per l'impianto frenante -, mentre la RSV4 standard adotta le inedite "Aprilia Black" e "Lava Red". Cambia naturalmente - in seguito all'omologazione Euro 5 - anche l'impianto di scarico. Quest'ultimo ha dimensioni simili ai precedenti, ma risulta più voluminoso nella sezione del silenziatore.

Aprilia RSV4: più grinta e cavalli con gli scarichi HP Corse

ERGONOMIA, ELETTRONICA, FORCELLONE DA MOTOGP

Per il resto, le maggiori novità della SBK riguardano l'ergonomia, che pare essere nettamente migliorata rispetto al passato - con conseguente sollievo dei motociclisti più alti, che adesso potranno godere della maggiore abitabilità - e il comparto elettronico, che sfrutta la nuova centralina Marelli MP11 e la piattaforma inerziale a sei assi. Dal punto di vista ciclistico, a risaltare è il forcellone, ispirato dalla MotoGP: l'unità è adesso più leggera e con capriata di rinforzo inferiore, così da aumentare la stabilità del retrotreno nelle forti accelerazioni.

COSA CAMBIA PER IL 4 CILINDRI

Il passaggio all'Euro 5 non porta sostanziali modifiche alla motorizzazione, a parte l'aumento della cilindrata (da 1.077 a 1.099cc) del V4 Aprilia, che vede aumentare la coppia ma non la potenza, che rimane a 217 cavalli. Poco male, la moto ha già cominciato da tempo a fare proseliti, uno su tutti, Max Biaggi, che l'ha definita "la più bella del mondo".

QUANTO COSTA?

Marzo è il mese in cui finalmente la moto verrà lanciata sul mercato. Naturalmente, le due versioni differiscono, oltre che negli allestimenti, nei prezzi. La RSV4 base costa infatti 21.240 euro, la Factory è invece in listino a 26.240 euro.