Come si raggiunge la perfezione in una disciplina? Con la costanza, la tenacia e imparando dagli errori. A Noale lo sanno bene: dal 2008 a oggi hanno evoluto l’RSV4 step by step, senza mai rivoluzionarla in maniera radicale ma perfezionandola sotto ogni aspetto. E l’Euro 5 è stata un’ottima scusa per mettere nuovamente mano al progetto. 

APRILIA RSV4: LE NOVITà 2021

Il nuovo corso stilistico delle sportive Aprilia proviene dalla RS 660. Un design figlio di profondi studi di aerodinamica (sono migliorati il coefficiente di resistenza e al tempo stesso la sovrapressione dell’aria nell’airbox) come dimostrano le alette, non più “aggiunte” sulle fiancate ma ora integrate nella carenatura. Questo dovrebbe ottimizzare la stabilità alle alte velocità e migliorare il raffreddamento del motore, deviando al tempo stesso i flussi d’aria calda dal pilota. Il faro a triplo LED, dotato di luci DRL, integra la funzione “bending lights”: una coppia di faretti supplementari illumina l’interno della curva, aumentando la visibilità in piega. L’ergonomia invece pare sia stata studiata a lungo e modificata per offrire più abitabilità (da sempre un limite dell’RSV4, specialmente per i piloti più alti) anche nella guida al limite. 

NUOVA ELETTRONICA

Non è tutto: grazie all’inedita centralina Marelli 11MP e alla piattaforma inerziale a sei assi (entrambe con una maggior potenza di calcolo) dovrebbero essere migliorate anche la gestione elettronica e le logiche di funzionamento dell’APRC (il freno motore ora ha più livelli di regolazione). Sei i Riding Mode previsti, tre per la pista e tre per la strada (di cui uno personalizzabile): vengono regolati di conseguenza Traction Control, Wheelie Control, freno motore, ABS e altri parametri. La ciclistica vede un upgrade grazie al nuovo forcellone, più leggero e con capriata di rinforzo inferiore, ispirato alla MotoGP (dovrebbe aumentare la stabilità del retrotreno nelle forti accelerazioni).

E il motore? Il poderoso 4 cilindri a V è leggermente cresciuto nella cilindrata (da 1.077 a 1.099 cc) e, nonostante l’Euro 5, esprime ancora più coppia. La potenza invece è invariata, 217 CV, anche grazie al nuovo impianto di scarico. Come sempre, due sono le versioni disponibili: standard e Factory. Si distinguono per l’allestimento, che nella Factory comprende i cerchi in alluminio forgiato, sospensioni semiattive Öhlins Smart EC 2.0 e pinze Brembo Stylema.

Aprilia Tuono V4: la belva di Noale è pronta per divorare il 2021