Le presentazioni in casa Kawasaki si fanno ogni giorno più interessanti. Infatti, dopo che nell’ultimo periodo il Marchio nipponico aveva presentato per il comparto moto la nuova livrea KRT per la Ninja 250 (disponibile al momento solo in Giappone), la nuova variante SE della Supercharged Z H2 e le due nuove supermotard KLX 300 e 300SM, ecco che la casa di Akashi torna a proiettarsi in avanti grazie a 3 nuovi video che ispirano sviluppi futuri.

Mercato: impennano le moto a novembre

Intelligenza artificiale made in Japan

In Kawasaki sono pronti a scommettere sull’intelligenza artificiale. Gli ingegneri giapponesi, infatti, sanno bene che puntare al futuro significa soprattutto doversi districare nel particolare mondo delle tecnologie in grado di riprodurre le funzioni tipiche della mente umana. Basta vedere il video pubblicato sul loro canale YouTube per capirlo: “il 2021 è il momento per il “prossimo passo” – fanno sapere dalla Casa – e dopo aver completato i test e il feedback, siamo pronti a percorrere una nuova strada con una comunicazione verbale bidirezionale tra pilota e macchina […]. L'IA per motociclette ha appena fatto un altro passo avanti grazie a Kawasaki”.

Il futuro è ibrido anche per le moto

Se si parla di nuove propulsioni per il futuro, allora non può certo mancare la propulsione ibrida. In Kawasaki questo concetto sembra essere, ormai, molto chiaro e messo ben a fuoco. Talmente chiaro da essere scritto ben visibile nel titolo del video: “Kawasaki Rideology meets Hybrid Power”. “Attraverso l'evoluzione e l'innovazione – dicono in Kawasaki – il Marchio è pronto per affrontare una nuova incredibile era per le due ruote, quella dell’Hybrid Power. Una combinazione di motore a benzina per la strada aperta e alimentazione esclusivamente elettrica per la guida in città”.

Yamaha, spunta un brevetto di uno scooter ibrido

Non solo due ruote

Il futuro, tuttavia, per la Casa di Akashi apre le porte anche al comparto “auto”, o meglio a quattro ruote. La terza sfida Kawasaki, infatti, verte in maniera audace sulla cosiddetta “Fun in Mobility” e si sviluppa attraverso la creazione di un prototipo di veicolo utilitario, a quattro ruote e guida autonoma, chiamato MULE. Dal Giappone ci tengono a precisare che: “ci sono così tanti possibili usi per questa nuova tecnologia a guida autonoma, che offrirà nuove possibilità a individui, aziende e comunità in tutto il mondo”.

Volete la Kawasaki ZX-10RR di Razgatlioglu? Ecco quanto costa