Non c’è pace per Harley-Davidson, che vive da tempo una crisi a cui non si riesce a trovare rimedio. Dopo 26 anni di servizio per la Casa di Milwaukee, Matthew Levatich si è dimesso dal suo ruolo di Presidente, CEO e membro del CdA. Al suo posto Jochen Zeitz, nominato ad interim dal Consiglio fino a quando non sarà stata individuata una nuova figura per l’importante ruolo dirigenziale.

CRISI E CONCORRENZA

Le dimissioni del CEO Levatich sono un altro duro colpo all’azienda, che viene da un 2019 segnato dal pesante calo delle vendite e che continua a cercare una svolta al periodo nero. Nonostante il prestigio del Marchio, negli ultimi anni la concorrenza di nomi come Indian, Triumph o Ducati è aumentata in un mercato che sembra sempre più ristretto e, per quanto riguarda le fasce più giovani,pare aver perso interesse per il nome Harley. Le contromisure non hanno ancora dato i loro frutti e un cambio al comando può rappresentare un estremo tentativo di rinascita.  

ZEITZ SU LIVEWIRE

Il Board e Matt hanno concordato di comune accordo che ora è il momento di una nuova leadership per la Harley-Davidson” – le prime dichiarazioni di Zeitz – “ Matt è stato determinante nel definire il piano strategico accelerato per la crescita More Roads to Harley-Davidson, ma ora cercheremo una nuova leadership per dare più spinta alla nostra attività. A nome del consiglio, desidero ringraziare Matt per i suoi 26 anni di servizio ad Harley-Davidson. Ha lavorato instancabilmente per guidare l’azienda attraverso un periodo di significativi cambiamenti del settore, garantendo al contempo la conservazione di uno dei marchi più iconici al mondo. Il consiglio di amministrazione e il gruppo dirigente Harley-Davidson continueranno a lavorare a stretto contatto mentre cerchiamo un nuovo CEO”. Zeitz è stato l’uomo che ha rivitalizzato la Puma fino al 2011 e fa parte del Consiglio di Amministrazione Harley-Davidson dal 2007, per la quale ha partecipato in prima persona al progetto dell’elettrica LiveWire.  

FASE DI TRANSIZIONE

Levatich continuerà ad assistere l’azienda durante la fase di transizione, fino alla nomina del nuovo CEO: "Sono molto fortunato ad aver trascorso molti anni con un'azienda così venerata come Harley-Davidson. La grinta e la determinazione dei dipendenti e dei concessionari e la loro passione nel portare il nostro marchio di libertà alle persone di tutto il mondo è sempre stata fonte di ispirazione. Sono orgoglioso di ciò che abbiamo realizzato durante il mio periodo come CEO, in uno dei periodi più impegnativi della nostra storia, e sono fiducioso che i progressi che abbiamo fatto nel piano More Roads posizioneranno Harley-Davidson per un successo a lungo termine".

Harley-Davidson Captain America di Easy Rider all’asta