Una “prima volta” particolare per Triumph Motorcycles: l’azienda inglese, infatti, ha annunciato che sposterà la produzione delle Speed Triple e Tiger 1200 nei suoi stabilimenti in Thailandia. Gli ultimi due modelli del Marchio vedranno la luce nelle fabbriche di Chonbouri, in Asia, e con loro l’intera gamma Triumph di serie sarà prodotta al di fuori dell’Inghilterra. Al Regno Unito rimane il dipartimento Ricerca e Sviluppo e la produzione della gamma TFC – Triumph Factory Custom.

RICERCA, SVILUPPO E CUSTOM

Già al momento la produzione sul territorio inglese è limitata al 10%, per un totale di circa 6.500 moto all’anno. Con l’annuncio dato di recente, la cifra si stabilirà intorno ai 4.500 modelli annui e gli esemplari faranno parte esclusivamente della famiglia TFC: Bobber TFC, Thruxton TFC e Rocket 3 TFC.

Per quanto riguarda l’impiego, ad ora circa 50 dipendenti non hanno certezze sul proprio futuro. La Casa, naturalmente, ha dichiarato tutto l’impegno per mantenere i suoi lavoratori affidando loro altri ruoli, così come ha annunciato un grande dispiego di forze per migliorare il riparto Ricerca e Sviluppo, dove i dipendenti aumenteranno di 20 unità.

LA VIA DELL’ORIENTE

La scelta di spostare l’intera produzione di serie in Oriente segue la scia dell’accordo stretto da Triumph con Bajaj a gennaio 2020: l’intenzione è quella di esplorare e affermarsi su nuovi mercati come quello asiatico, forte di un partner importante come il gigante indiano e facendo assurgere la Thailandia alla casa-base della propria catena produttiva.

Suzuki: si lavora ad un futuro elettrico per l'India