Dopo averci deliziato con una streetfighter come Ducati 1199, riproposta nella versione "The Super", Roland Sands Design ci riprova con una naked, realizzando una customizzazione d'eccezione.

CARROZZERIA: ISPIRAZIONE MOTOMONDIALE

MV Agusta Dragster 800 RR viene rivisitata dallo studio statunitense, innazitutto dal punto di vista ergonomico. Il manubrio di serie è stato sostituito da una serie di clip basse e dall'aspetto "aggressivo", integrate in basso con nuove pedane fatte ad hoc.

Si è passato poi a rifinire la Dragster in maniera sportiva. Roland Sands ha affermato che l'ispirazione per la carrozzerie è arrivata dalle MV Agusta che hanno corso il Motomondiale dagli anni '50 agli anni '70, e ha così costruito un telaio ausiliario personalizzato con tubi cromolitici. Operazione che ha portato a un aumento dell'altezza della sella; sella che è parte integrante della sezione di coda, modificata anch'essa in stile café racer, con linee spigolose con strisce a LED integrate (a LED anche il faro anteriore).

MV Agusta, con una nuova moto due anni di assistenza stradale gratuita

SERBATOIO "ENDURANCE", SALGONO I CAVALLI

Capitolo motorizzazione. Il serbatoio di serie è stato montato su un bocchettone di rifornimento a riempimento rapido utilizzato addirittura per le gare di durata. Per il radiatore, ecco un telo in fibra di carbonio in grado di conferire alla moto un aspetto più dinamico e moderno, in linea con la fonte d'ispirazione dell'azienda di Roland Sands, i modelli del Marchio di Schiranna portati in giro per i vari Gran Premi da Giacomo Agostini. Infine, non poteva mancare un'aggiunta di potenza. Un nuovo sistema di scarico targato Zard è stato costruito appositamente per questa moto custom, salendo oltre i 140 cavalli dichiarati dalla Casa varesina per il modello base, che vanta una cubatura da 798cc.