Il rumore, o il dolce suono (dipende dai punti di vista), del motore a due tempi delle prime Vespa ha contribuito di certo ad aumentare il fascino dell’iconico scooter italiano conosciuto a apprezzato in tutto il mondo. Ma negli anni, per rispettare gli standard sulle emissioni, la Vespa ha dovuto ospitare un quattro tempi, fino ad arrivare ai recentissimi modelli elettrici. Nonostante lo scooter abbia saputo mantenere inalterato, a distanza di tanto tempo, il suo stile anche sui modelli più moderni, c’è chi proprio non sa resistere al look vintage delle prime Vespe. Niall McCart, proprietario del Retrospective Scooters a Londra, ha pensato a una strada alternativa, ha deciso di convertire una Vespa Primavera del 1976 in uno scooter elettrico. Giusta o sbagliata che sia (mettere mano a questo mito su due ruote in modo così radicale), l'idea però non è male.

I kit di Retrospective Scooters

Alla base del progetto una sola regola: il design vintage della Vespa, sia carrozzeria che telaio, non doveva essere in alcun modo alterato. L’accordo tra i due amici era ben saldo, ma tutto ha preso il via dopo Eicma 2017. È durante la manifestazione dedicata alle due ruote che John Chubb ha incontrato il team di QS Motors CTO, ricevendo la conferma che cercava riguardo a calcoli e passaggi relativi al motore elettrico da montare sullo scooter.

Per prima cosa, Chubb e McCart hanno sostituito il serbatoio della benzina con una batteria agli ioni di litio e inserito un forcellone personalizzato per ospitare il motore elettrico montato sul mozzo. Sono seguiti poi vari lavori di perfezionamento su alcuni componenti, tra cui la centralina, e a quel punto la “E Primavera” è stata presentata al rally Vespa World Days a Belfast, in Irlanda del Nord, a giugno 2018. L’accoglienza all’inizio non è stata delle migliori, “Erano puristi - ha spiegato McCart. - Non erano d’accordo col progetto appena l'hanno visto”, ma è bastato osservare meglio per vedere apparire “il più grande sorriso sul loro volto”. Qualcuno ha suggerito a McCart di vederlo come kit, un suggerimento che ha fatto partire un nuovo progetto: tornati in negozio, i due amici hanno iniziato a lavorare per semplificare il design del kit, per farlo diventare plug-and-play. Hanno inserito una batteria agli ioni di litio Panasonic da 64 V e 28 AH, grazie alla quale il kit può far raggiungere allo scooter una velocità massima di circa 80 km/h e un’autonomia intorno ai 48 km.

Il kit è oggi disponibile per vari modelli di Vespa e Lambretta e vanno da circa 4.000 a quasi 4.300 euro. Retrospective Scooters può spedirli in tutto il mondo, oltre a offrire supporto tecnico durante le 16 ore di installazione.

Vespa ELETTRA, il mito diventa alla... spina