Dopo lunghe settimane di lockdown, l’estate ci ricorda che è tempo di vacanze, naturalmente in moto. Andando alla scoperta delle bellezze italiane, una tappa che non può mancare è la Sardegna, una terra che in collaborazione con Tom42 vi faremo scoprire in un raid organizzato dal 5 al 13 settembre. Il percorso di quest’anno copre il periplo dell’isola, unendo paesaggi marittimi e montani. Le iscrizioni terminano il 31 luglio e per un numero massimo di 20 partecipanti.

Estate in moto: 10 mete per sfuggire al caldo

Le tappe: si parte da Livorno sabato 5 settembre

Varie tappe e cinque hotel in cui soggiornare. Ogni giorno qualcosa di diverso da vedere a partire da Santa Teresa di Gallura, ammirando le meraviglie costiere prima e le strade panoramiche dopo, passando per la Costa Smeralda, la spiaggia di Capriccioli, Porto Cervo, Palau.

Il secondo giorno il raid prosegue in direzione Ovest verso Castelsardo, costruita sulla roccia a strapiombo sul mare, fino alla Riviera del Corallo. Non mancherà un giro lungo una delle strade litoranee più conosciute di tutta l’isola, in direzione Bosa.

Il terzo giorno lo sciame di moto si dirige verso Sud, costeggiando il versante ovest della Sardegna. L’arrivo è previsto a Torre dei Corsari, tra le dune naturali più alte del mediterraneo, per poi visitare la zona mineraria del Sulcis, Montevecchio e Bugerru. Si prosegue verso Sud con panorama sui Pan di Zucchero di Nebbia e Masua e la spiaggia di Tuerredda.

Itinerario: a tutta piega nel sud della Sardegna

Il raid prosegue alla scoperta della parte meridionale dell’isola. Qui è possibile ammirare i vigneti di Santadi, il bosco del monte Serpeddì, Cagliari, per poi dirigersi verso Costa Rei.

A metà vacanza, è tempo di ritornare verso nord, questa volta percorrendo il versante est dell’isola. Budoni e Cala Godoni sono le tappe previste per il quinto giorno.

Un’occhiata anche all’interno, lungo la strada del vermentino di Monti e Alà dei Sardi, con passaggio sul lago artificiale del Coghinas.

L’ultimo giorno, rush finale verso il Golfo degli Aranci.

Cosa c’è da sapere

Per chi volesse fare un giro in moto lungo tutta la costa della Sardegna, l’iscrizione al raid comprende il trasferimento via mare andata e ritorno, i vari pernottamenti in hotel in camera doppia, le cene, le colazioni in hotel, i pranzi lungo il percorso, l’assistenza tecnica da parte dello staff e i mezzi d'appoggio trasporto bagagli. I partecipanti saranno coperti da polizza assicurativa viaggi e, naturalmente, le moto dovranno essere in regola con il Codice della Strada e in buone condizioni di funzionamento.

Per info: (+39) 0187 280483 oppure scrivere a info@tom42.it

Le Grotte di Nettuno, opera d'arte naturale