Aprilia RSV Mille by Jett Design: restomod audace per la supersportiva

Aprilia RSV Mille by Jett Design: restomod audace per la supersportiva

Costruita in esemplare unico, la bicilindrica di Noale ha perso in tutto 20 kg di peso e vanta ora specifici aggiornamenti prestazionali, capaci di renderla ancora più aggressiva

Redazione - @InMoto_it

Costruita dalla Casa di Noale per riuscire a imporsi nel particolare segmento delle moto sportive di grossa cilindrata, l’Aprilia RSV Mille è ricordata ancora oggi dai fan della Casa per le sue doti da sportiva estrema date principalmente dal motore, un bicilindrico a V di 60° quattro tempi del tipo “superquadro”, e da una ciclistica letteralmente da favola.

Caratteristiche di rilievo, certo, ma purtroppo la RSV Mille non ebbe mai il successo che ci si aspettava in principio. Motivo per cui Jett Design, atelier statunitense specializzato nella creazione di restomod su base Triumph e Ducati, ha deciso di dare un tocco ancora più estremo alla supersportiva di casa Aprila con una special appositamente commissionata da un cliente.

Aprilia RS660 by Gabro Racing: la racer che sogna Laguna Seca

Aprilia RSV Mille by Jett Design

Aprilia RSV Mille by Jett Design

l’Aprilia RSV Mille di Jett Design non è stata solo curata al livello estetico, ma è stata anche notevolmente alleggerita (sono circa 20 i kg persi dalla moto) e dotata di specifici aggiornamenti prestazionali. Ecco alcune foto

Guarda la gallery

La RSV Mille si rifà il trucco e perde 20 kg

Costruita in esemplare unico, l’Aprilia RSV Mille di Jett Design non è stata solo curata al livello estetico, ma è stata anche notevolmente alleggerita (sono circa 20 i kg persi dalla moto) e dotata di specifici aggiornamenti prestazionali.

Su tutto, infatti, spiccano nuove carene su misura con livrea grigio/nero/rossa, una nuova sella Alcantara cucita a mano, nuove pedane regolabili, un nuovo supporto per lo scarico interamente in carbonio, ammortizzatore di sterzo regolabile prelevato dal catalogo Hard Racing, airbox modificato, protezioni forcellone in carbonio, scarico SBK Leo Vince in titanio con rivestimento in ceramica, un nuovo cupolino Zero Gravity e un nuovo codone personalizzato con luce posteriore a LED integrata.

Insomma, tutto quello che serve per ridare un po’ vita alla supersportiva di Noale e farla tornare sulle strade ancora più aggressiva e accattivante. Un po’ come quando nel 1997 debuttò sulle passerelle autunnali di tutto il mondo.

Una Aprilia Tuono V4 ispirata alla Porsche 917K vittoriosa a Le Mans

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento