Il binomio monopattini-sicurezza è di stretta attualità. Tutti gli addetti ai lavori, dal Governo agli utenti della strada, puntano a una riorganizzazione delle regole generali, per gestire al meglio la micromobilità elettrica delle nostre città e tutte le situazioni sconvenienti che si possono venire a creare, come gli incidenti, dettati dalla poca conoscenza del mezzo.

Sfreccia in monopattino con il motore di una... motosega: mega-multa

Al dibattito si unisce anche ACI, per bocca del suo presidente, Angelo Sticchi Damiani, che alla Commissione Trasporti alla Camera è intervenuto nell'ambito della proposta di legge relativa proprio ai monopattini green, dichiarando le proposte dell'Automobile Club d'Italia.

OMOLOGAZIONE E TARGA

La prima proposta di ACI è quella di un regime di omologazione obbligatorio per chi costruisce monopattini, introducendo di conseguenza una targa che possa identificare il mezzo.

CASCO E ASSICURAZIONE OBBLIGATORI

La seconda proposta riguarda l'uso obbligatorio del casco e dell'assicurazione per i monopattini da oltre 350 watt di potenza e capaci di spingersi oltre i 25 km/h, anche se ACI intende estendere l'obbligo a tutti i mezzi.

INSEGNARE UN USO CORRETTO

La terza idea rientra nel campo della formazione: si ritiene in pratica necessario istituire dei corsi appositi nelle scuole, sia le superiori che l'università, e nelle scuole guida, per educare sui rischi di una cattiva condotta alla guida. Il corso terminerebbe poi con una sorta di patentino da rilasciare agli studenti.

DIVIETO DI SOSTA SUI MARCIAPIEDI

Infine, ultima proposta, il divieto di sosta lungo i marciapiedi, con delle zone in cui i monopattini possano essere parcheggiati senza essere d'intralcio ai pedoni.

Allarme monopattini a Torino: 50 multe al giorno e incidenti in aumento