Il Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance si prepara a prendere il via il 19 luglio dal circuito romano di Vallelunga per la sua seconda stagione, con un calendario rimodulato dopo lo stop per la pandemia Coronavirus e con tante novità.

Al via del round di Vallelunga ci sarà anche il team di “In Moto con l’Africa”, con l’obiettivo di creare una cassa di risonanza attorno ad un progetto di aiuto alle popolazioni sub-sahariane.

La raccolta fondi virtuale

Vista la probabile impossibilità, per la situazione legata alla Covid-19, di organizzare nel paddock una raccolta fondi e fare opera di divulgazione, è nato un gruppo di sostegno virtuale a favore del Team di “In Moto con l'Africa”. L’operazione è stata realizzata tramite la nota piattaforma di crowdfunding “Rete del Dono” con l’obiettivo di raccogliere donazioni da parte dei support del team. L'intera somma andrà impiegata per i progetti attualmente in corso in Sierra Leone, Sud Sudan e Uganda a favore di mamme e bambini.

In Moto con l'Africa, infatti, nasce dalla passione di un gruppo di motociclisti che ha deciso di impiegare il proprio tempo libero a sostegno di Medici con l'Africa Cuamm, la prima ONG italiana, che da 70 anni si spende per lo sviluppo sanitario in alcuni dei paesi più svantaggiati del Sub Sahara.

In alcune zone dell’Africa, infatti, anche i mezzi a quattro ruote motrici fanno fatica ad arrivare e le moto, agili e veloci, fanno la differenza per trasportare medicinali, per accompagnare le persone al primo centro di salute periferico, per realizzare le campagne di vaccinazioni. In Moto con l'Africa, che è un gruppo di lavoro interno a Medici con l'Africa Cuamm, è nato quindi per raccogliere fondi a favore della mobilità e dei trasporti nei Paesi africani dove questa attività è più vitale. 

I piloti

Marco Visonà e Nicola Andreetto, gli African Brothers, sono alla loro prima esperienza in una gara in pista. Nicola è un giornalista del settore, Marco un appassionato di corse in moto da quasi mezzo secolo. Ma hanno accettato questa ulteriore sfida, buttando il cuore oltre i…cordoli, in funzione del nobile obiettivo che sta alla base dell'intero progetto di In Moto con l'Africa. E contano sul sostegno di quanti più appassionati possibile. Per rimanere informati sulle novità e sugli sviluppi di questa avventura benefica, il sito ufficiale di In Moto con l’Africa sarà continuamente aggiornato.

Le donazioni

Per fare una donazione è possibile collegarsi direttamente al sito Rete del Dono. I sostenitori e tutti coloro che faranno una donazione a favore del team possono inviare una loro foto all’indirizzo email info@inmotoconlafrica.org. In occasione dell'ultima tappa del campionato Moto Guzzi Fast Endurance che si terrà a Misano Adriatico l’11 ottobre, con tutte le immagini ricevute verrà creato un poster che verrà esposto nel paddock.

Al termine della stagione si terrà una festa - che dovrebbe essere ospitata dalla sede di Padova di Medici con l'Africa Cuamm - e, a tutti coloro che avranno donato almeno € 50,00, verrà regalata una t-shirt di in Moto con l'Africa.

Il trofeo

Il Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance 2020 vede al via equipaggi composti da due piloti in sella a Moto Guzzi V7 III, allestite con un kit racing uguale per tutti, così da garantire il massimo equilibrio e divertimento, in piena sicurezza.

Fratellanza e spirito di squadra sono in tal modo premiati rispetto all’individualità, recuperando così il clima di aggregazione tipico delle corse di una volta.

Sono cinque le gare “miniendurance” in calendario, della durata di 60 o 90 minuti, racchiuse in tre fine settimana: si parte a Vallelunga il 18 e 19 luglio (gara doppia), per proseguire poi il 5 e 6 settembre sulla pista di Adria (sempre con gara doppia). Il gran finale sarà a Misano l’11 ottobre.

Moto Guzzi V90 TTR concept: artigli affilati