In questo periodo di ripresa dopo il lockdown per la pandemia del Coronavirus, Qooder ha lanciato alcune iniziative promozionali: dalla proroga per le scadenze tagliandi in officina al pagamento della prima rata a settembre per l’acquisto di un nuovo mezzo.

Ora Qooder torna a far parlare di sé, perché ben 11 esemplari del quattro-ruote basculanti sono entrati a far parte della Croce Rossa Italiana. Saranno utilizzati per affrontare in sicurezza la ‘fase 2’ dell’emergenza Coronavirus, per la consegna a domicilio della spesa, dei farmaci e dei beni di prima necessità per chi ha maggiori necessità sociali e sanitarie.

Qooder, che piega come una moto e vuol essere sicuro come un’auto, vestirà quindi la divisa dell’associazione benefica ed è pronto a entrare in servizio dei volontari e degli operatori della Croce Rossa Italiana.

Un equipaggiamento ad hoc

Il Qooder realizzato per la Croce Rossa Italiana è di colore “Snow White” e avrà delle caratteristiche speciali: la capacità di carico aumentata grazie a un bauletto in alluminio da 58 litri, mentre, per assicurare protezione dalle intemperie, è stato montato uno specifico parabrezza regolabile in altezza, con porta navigatore. Tutti i veicoli, inoltre, verranno equipaggiati da sirene bitonali, omologate con suono “ambulanza”, composte da coppia di trombe con elettronica interna, due faretti a led con luce lampeggiante e luce di crociera notturna blu. Non manca poi un secondo lampeggiatore omologato con luce lampeggiante e luce di crociera notturna sul bauletto.

Una centralina di comando gestisce la sincronizzazione delle luci e una specifica pulsantiera consente al pilota di azionare in diversi modi i sistemi di segnalazione. Questo equipaggiamento sarà montato non appena disponibile da parte del fornitore non operativo in questo periodo.

Il Qooder è dotato anche di una batteria supplementare per l’utilizzo delle sirene e delle luci, e di un sistema elettronico che avvisa il pilota in tempo reale dello stato di carica degli accumulatori.

A caratterizzare il Qooder, elementi tecnici unici come la doppia trazione posteriore con differenziale meccanico e un sistema di frenata integrale su 4 ruote, senza dimenticare le sospensioni HTS (Hydraulic Tilting System), brevetto internazionale Qooder, che permette un contenimento del peso generale del veicolo e un abbassamento del baricentro, rendendolo maneggevole, leggero e bilanciato.

Il tempo della gentilezza

“Anche quest’anno saremo al fianco della Croce Rossa Italiana nelle attività di servizio che quotidianamente svolge per i più vulnerabili. È un’operazione che ci rende orgogliosi, soprattutto in un periodo così delicato, per mettere in sicurezza gli operatori e prevenire il contagio da Covid-19”, spiega Giovanni di Furnari, Direttore Commerciale di Qooder.

“Sicurezza, versatilità e rapidità sono elementi imprescindibili dei mezzi che usiamo nei nostri servizi, soprattutto in un momento di emergenza come questo” sottolineano dalla Croce Rossa Italiana“Caratteristiche che abbiamo riscontrato nei veicoli Qooder, nella nostra flotta già dalla scorsa estate. Questi nuovi 11 mezzi, consegnati ai nostri Comitati sul territorio, saranno utilizzati per potenziare ulteriormente le attività de ‘Il tempo della Gentilezza’ come la consegna a domicilio della spesa, dei farmaci e dei beni di prima necessità per le persone con maggiori fragilità sociali e sanitarie”.

Harley-Davidson contro il razzismo, in memoria di George Floyd