Nicola Martini si occupa di moto da almeno un quarto di secolo: il suo brand, Mr Martini, è nato nel 2003, ma è nel 1994 che ha realizzato la sua prima special. E non a caso, alla scorsa edizione del Motor Bike Expo, Nicola ha festeggiato il suo venticinquennale con un libro che racconta la sua attività fin dagli inizi. Quattro anni fa, poi, ha aperto un locale ristorante a Verona, tappa fissa di tanti appassionati che si riversano ogni anno al Motor Bike Expo.


"La modelleria è ferma"

Abbiamo raggiunto Mr Martini proprio nel suo locale, per sapere come sta vivendo questo momento.

Siamo attivi, non come al solito, ma cerchiamo sempre di fare qualcosa di nuovo, di creare nuove idee… Purtroppo la parte ristorativa è chiusa al pubblico, ma ci siamo organizzati per fare consegne e delivery, mentre nella parte modelleria, delle moto speciali, ho purtroppo dovuto fermare la mia attività”, racconta Mr Martini.

a“Con mia figlia Carlotta stiamo facendo un po’ di video dove spiego le moto che ho realizzato per i clienti: ne ho numerose in garage, perché eravamo pronti per consegnare tutte le le special per la primavera e sul più bello si è bloccato tutto…”

Quanto tempo impieghi per realizzare una special?

“Ho due linee costruttive: una seriale, con dei kit già predisposti, come per le scrambler, le on road e le off road… ho degli stampi, degli accessori che già sono predisposti e dove possono cambiare i particolari, come i colori e la sella… diventa più complesso quando si fa un pezzo unico, che può richiedere anche un anno di lavoro, tra il pensarla e iniziare a costruirla, e poi magari cambiarla in corso d’opera…”

E con il locale come procede?

“Ci manca molto il calore della gente, l’obiettivo era che la gente vivesse l’atmosfera del locale. Adesso io mi sto anche impegno a creare qualche piatto fuori menù…”


"Il mondo delle special sta soffrendo"

Se EICMA dovesse saltare, come si teme, il prossimo appuntamento utile è quello del Motor Bike Expo al prossimo gennaio. E allora tutti da te….

“Il mondo delle special sta soffrendo, come tutti i mondi, ed è importante che ci sia del movimento come con il Motor Bike Expo. Io ho fatto 25 anni nel settore, però vedo un momento buio anche in questo momento buio del mondo del custom”.

Qual è il tuo consiglio Nicola?

“Dobbiamo essere sempre felici di quello che abbiamo fatto e avere sempre dei sogni nel cassetto per alzarci al mattino e dire ‘dai, ci proviamo lo stesso’..:”

Per ascoltare tutta l'intervista, guarda il nostro video esclusivo!

Yamaha Ténéré 700 PD Heritage concept