La pandemia COVID-19 è una crisi senza precedenti che sta causando danni considerevoli alla salute dei cittadini di tutto il mondo e minacciando la stabilità economica globale. I responsabili politici a livello europeo e le autorità nazionali stanno collaborando per affrontare queste due grandi sfide. I settori industriale e al dettaglio sono già gravemente colpiti, compresi quelli nel settore motociclistico.

L'industria motociclistica sta compiendo ogni sforzo per proteggere i nostri dipendenti e clienti. La salute e la sicurezza pubblica sono la priorità numero uno di tutti noi; nonostante questa necessità, anche la salvaguardia dell'economia europea e la protezione dei posti di lavoro sono fondamentali.

SITUAZIONE CRITICA ANCHE PER LE MOTO EURO 5

Oltre ai modelli Euro 4, che con la concessionarie serrate, rischiano di restare invendute, anche per le nuove moto c'è preoccupazione. La situazione attuale è particolarmente impegnativa per i rivenditori e i produttori di motocicli. La pandemia in corso ha gravemente interrotto le catene di approvvigionamento, le operazioni di produzione e lo sviluppo di nuovi modelli Euro 5. Questa interruzione, oltre alle misure di contenimento del virus adottate nelle fabbriche, ha portato a un arresto quasi completo del settore in molti paesi.

Le recenti misure di blocco e rigorose per contenere la pandemia hanno paralizzato anche l'attività di vendita di motociclette. Ciò sta interessando progressivamente tutti i mercati europei, creando incertezze inquietanti per il settore motociclistico. La crisi COVID-19 sta mettendo i concessionari, la maggior parte dei quali sono piccole operazioni a conduzione familiare, in condizioni finanziarie estreme. Le preoccupazioni relative al flusso di cassa immediato dovranno essere affrontate attraverso misure di sostegno in ogni paese interessato.

Mercato moto, previsioni non incoraggianti per il 2020

In questo contesto, l'industria motociclistica invita urgentemente la Commissione europea e le amministrazioni nazionali ad adottare rapidamente tutte le misure necessarie per aiutare il settore a superare questa crisi senza precedenti. Il settore motociclistico è pronto a collaborare con tutti i responsabili politici per raggiungere questo obiettivo, proteggendo i 300.000 posti di lavoro legati a questo settore.

SERVE AIUTO: IN ARRIVO MESI DIFFICILI

La crisi COVID-19 metterà alla prova la nostra capacità di affrontare contemporaneamente una grave crisi sanitaria ed economica",dichiara Stefan Pierer, Presidente ACEM e CEO di KTM AG. "I membri ACEM collaborano pienamente con le autorità - ha quindi aggiunto - per rallentare la diffusione di COVID-19. Ci preoccupiamo che i nostri dipendenti e partner siano al sicuro e contiamo sui responsabili politici per trovare soluzioni nelle settimane e nei mesi difficili che ci aspettano per spezzare l'onda che altrimenti potrebbe colpire il settore”.

Gli fa eco Antonio Perlot, il segretario generale ACEM:

ACEM si sta impegnando con i nostri partner nell'UE e nelle amministrazioni nazionali per trovare soluzioni a questa sfida senza precedenti. Le cose si stanno evolvendo rapidamente e ACEM sta monitorando attentamente la situazione, in stretta collaborazione con le associazioni di settore in Europa e i produttori di veicoli. Chiediamo ai responsabili politici di lavorare insieme e di adottare le misure necessarie per proteggere i nostri cittadini e le nostre economie nel breve e nel lungo termine”.

Coronavirus, l'autocertificazione cambia ancora: ecco il nuovo modulo