Esistono alcune giornate in cui tutto sembra scorrere tranquillo, nessuna telefonata imprevista, e all’improvviso boom! Arriva il super-scoop. Quella che vedete in foto infatti è niente-popò-di-meno-che la futura BMW R 1300 GS, beccata alle prese con i collaudi finali dai nostri paparazzi sparsi in giro per l’Europa. Ovviamente nulla è ancora noto su prestazioni ecc., ma possiamo azzardare qualcosa…

BOXER EURO 5.2 "Ready"

Ci teniamo a calmare subito gli animi dei più agitati: la nuova BMW R 1300 GS monterà ancora un motore bicilindrico con architettura boxer e uno schema di sospensioni Telelever-Paralever (nelle foto si può vedere la molla al centro della forcella, tipico dello schema Telelever). Quello che cambierà, presumibilmente, sarà la cilindrata, superiore agli attuali 1.254 cc. Di quanto? Non è dato saperlo, ma di sicuro più vicina ai 1.300 cc. Questo è dovuto alla sempre più incombente normativa sulle emissioni, la Euro 5.2, che a detta di tante aziende sarà molto severa. Curioso notare invece quanto lo scarico abbia dimensioni contenute, soprattutto se paragonato a quello attuale. Novità succosa la possiamo vedere a livello di svorastrutture, con il becco che ora ingloba un gruppo ottico e le fiancate che, da queste prime immagini, appaiono molto pulite quanto avvolgenti.

POTENZA CHE SALE DIMENSIONI CHE CAMBIANO

A crescere però saranno anche le prestazioni: osservate con attenzione le dimensioni del radiatore…è presumibile attendersi almeno 140-150 CV, con una coppia ai bassi-medi regimi ancora più vigorosa. Quasi scontata dunque la presenza della fasatura variabile. Quello che però cambia in maniera determinante sembrerebbe essere l’indole della moto: nonostante le misure dei cerchi identiche (19-17 pollici a raggi), la BMW R 1300 GS è molto più bassa e accucciata rispetto all’attuale 1250, per via di un design e di una distribuzione dei pesi/volumi decisamente più sportiva e ribassata. A noi, quel muso piatto ricorda vagamente la 1290 Super Duke GT…La distanza tra sella e manubrio però sembra essere comunque importante, segno di un’attenzione al comfort notevole (anche perché il plexi ha dimensioni importanti). Tutte queste però sono solo illazioni: per saperne di più dovremo attendere ancora un po’. Restate collegati. 

La Aprilia Tuareg 660 affila le armi: le foto dei test su strada