Si torna a parlare di BMW R18. Ma non della versione standard, né della Classic recentemente lanciata sul mercato. Mesi fa, a febbraio 2020, i colleghi di Motorrad.de furono bravi a pescare i test di collaudo della versione Touring della storica moto tedesca, immortalata in alcuni scatti che anche noi vi abbiamo riproposto a suo tempo.

BMW R18 "TRANSCONTINENTAL"

La novità è che oggi il marchio bavarese ha depositato presso l'EUIPO, l'agenzia europea che tutela la proprietà intellettuale, il nuovo nome "Transcontinental", sigla che verrà utilizzata per "motociclette e relative componenti". Non serve conoscere l'inglese per capire che si tratta di un nome adatto a una due ruote da grandi viaggi. E quindi, è quasi certo che la versione tourer della R18 si chiamerà Transcontinental.

C'É IL BIG BOXER

I brevetti rilasciati da BMW confermano le indiscrezioni. A spingere la moto ovviamente è il Big Boxer tedesco da 1.802cc, 91 cv a 4.750 giri e picco di coppia a 158 Nm a 3.000 giri/min, di cui 150 Nm disponibili già tra i 2.000 e i 4.000 giri. La distribuzione è ad aste e bilancieri - alberi a camme sopra l'albero motore - e il raffreddamento è ad aria/oli.

DOTAZIONI TURISTICHE

Elemento principale delle dotazioni è la strumentazione, che mostrerà informazioni per il viaggio - dai giri del Boxer, fino alla temperatura o il carburante residuo -, un quadro TFT con doppia funzione di controllo e infotainment. Senza dimenticare la camera radar, che probabilmente introdurrà l'Adaptive Cruise Control e altri sistemi di sicurezza. La carenatura è imponente, oltre alle ampie selle per guidatore e passeggero - normali per questo tipo di cruiser -. Molto capienti anche le borse laterali, indispensabili per viaggiare "tra i continenti", come il nome della nuova R18 suggerisce. Di cui ancora non si conoscono i tempi di uscita sul mercato. La attendiamo.

BMW R 18 Touring, le foto in fase di collaudo