Giorni frenetici in casa Aprilia. Il debutto dei modelli motorizzati 660 sta per arrivare. Un esordio atteso in tutte le sue tre declinazioni: quella sportiva di RS, quella enduro di Tuareg e quella naked di Tuono. E mentre RS è protagonista dei primi collaudi su strada, arrivano novità anche dal fronte di Tuono.

IL BREVETTO: VERSIONE DEFINITIVA

Aprilia ha infatti depositato il brevetto della sua nuova naked, la cui presentazione dovrebbe avvenire nell'autunno 2020. "Dovrebbe", poiché l'emergenza sanitaria ha messo in forse tutti i Saloni a due ruote (presentazione virtuale?), e con il recente annuncio della cancellazione dell'Intermot di Colonia, salgono i dubbi anche sulla prossima edizione di EICMA. Staremo a vedere.

Di certo, cresce l'attesa per vedere su strada la nuova media di Noale, che sfrutta la stessa base tecnica della "sorella" sportiva RS. Aprilia 660 Tuono è alimentata dal bicilindrico parallelo che equipaggia anche la RS e qui eroga 95 CV di potenza. Vanta un telaio doppio trave in alluminio, leggero e performante.

SCARICO PER RISPETTARE LE NORME SULLE EMISSIONI

I brevetti depositati dalla casa di Noale e resi pubblici da BikeSocial mostrano la versione definitiva, praticamente identica al concept ammirato durante l'edizione 2019 di EICMA. Desta curiosità il voluminoso scarico per rispettare le emissioni Euro5, con grande catalizzatore, vicino al propulsore per rendere più efficaci i tempi di entrata in temperatura a moto fredda .

Il lancio sul mercato di Aprilia 660 Tuono avverrà nei primi mesi del 2021, insieme alla versione Factory.