Arriva la Retrovolution: ecco la sport-retrò Kawasaki Z650RS

Arriva la Retrovolution: ecco la sport-retrò Kawasaki Z650RS

Destinata ai giovani ma anche ai nostalgici della Z650-B1 anni '70, il nuovo modello di Akashi aggiorna il 2 cilindri 649 cc da 68 cv e punta ad attrarre con il suo design vintage

Redazione - @InMoto_it

Una moto dallo stile vintage per attrarre la clientela di oggi (e del domani). La strategia retrò di Kawasaki, la cosiddetta Retrovolution, ha il suo nuovo alfiere nella Z650RS, destinata ai motociclisti più giovani e alle prime fasi della loro "carriera" su due ruote, ma anche ai veterani che ricordano con affetto il lancio dell'iconica "figlia della Z1", la Z650-B1, nel 1977

Nuova Kawasaki Z650RS FOTO

Nuova Kawasaki Z650RS FOTO

Parte la Retrovolution di Kawasaki nel 2022 con l'introduzione della nuova Z650RS. Moto che promette di essere l’ideale compagna per una vasta platea di motociclisti. Destinata ai motociclisti più giovani, la Z650RS punta a coloro che ricordano con affetto il lancio dell'iconica "figlia della Z1" la Z650-B1 nel 1977. Il delicato equilibrio tra vecchio e nuovo, retrò e attuale è stato realizzato dal team di progettazione Kawasaki con riferimenti Z

Guarda la gallery

MOTORE AGGIORNATO, ANCHE PER CHI HA LA A2

La novità maggiore della sportiva di Akashi nel suo model year 2022 è la versione aggiornata del bicilindrico parallelo da 649 cc del marchio, raffreddato a liquido, già utilizzato per Z650 e Ninja 650. Sviluppata per avere una risposta piena ai bassi e medi regimi - oltre alla caratteristica erogazione agli alti regimi - la Z650RS eroga una potenza di 68 cv (50,2 kW), ma è disponibile anche in versione 35 kW per poter essere guidata da chi possiede la patente A2. È inoltre dotata di frizione assistita e antisaltellamento

TELAIO E SOSPENSIONI

La moto vede un telaio tubolare che, con il corpo centrale rastremato, consente di raggiungere facilmente con i piedi il suolo (altezza sella 820 mm), così da avere piena sicurezza da fermi e manovrare la moto con altrettanta facilità. Nella parte anteriore, trova spazio uan forcella con steli di 41 mm, mentre al posteriore ecco la sospensione horizontal link che agisce su un ammortizzatore regolabile nel precarico. Per i freni, invece dei consueti dischi a margherita, trovano spazio delle pinze anteriori a doppio pistoncino che agiscono su dischi da 300 mm mentre nella parte posteriore una pinza a pistoncino singolo agisce su un disco da 200 mm, il tutto assistito dall'ABS di Bosch.

DESIGN ANNI '70

Avevamo accennato alla Z650-B1: i richiami alla naked di fine anni '70 vengono enfatizzati nel design: la vernice e le grafiche sono una fedele riproduzione della versione color verde, mentre l'iconica "coda d'anatra" e i pannelli laterali fedelmente realizzati rendono omaggio al modello del 1977. Molto dettagliate le cuciture della sella.

Kawasaki Z900RS Cafe, in arrivo l'Euro 5 per il model year 2022

La strumentazione in stile analogico complende un pannello centrale digitale che fornisce le informazioni sulla moto. Le ruote a razze in lega di colore dorato e il faro tondo a LED completano il quadro di una moto proposta in tre verniciature differenti: Metallic Spark Black, Candy Emerald Green e Metallic Moondust Gray / Ebony.

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento