La presentazione ad Eicma 2019 delle nuove X-Cape e Seiemmezzo ha creato tanta aspettativa intorno al Marchio italiano. Soprattutto verso la crossover, un prodotto ben fatto, esteticamente convincente e tecnicamente maturo. Insomma, gli appassionati di Moto Morini, sono alla finestra e fremono. Ora, però, qualcosa sembra muoversi, per la precisione dall’altra parte del mondo, in Cina.

Lanciata in Cina

In un evento a Pechino, la X-Cape 650 è stata presentata e lanciata sul mercato locale, dove andrà a contrastare l’egemonia della Royal Enfield Himalayan nel segmento delle medie. La nuova moto può contare su un ottimo comfort, concesso dalla sella bassa ma generosa anche per il passeggero, ruote da 19” – anteriore - e 17” – dietro – con pneumatici 110/80 e 150/70 e forcella regolabile di 50 mm di diametro per una solida tenuta di strada. La strumentazione con schermo TFT a colori da 7” è tra i più grandi sul mercato, mentre la dotazione di serie è completata dal parabrezza regolabile con una sola mano, dal portapacchi e dai fari full LED. Tra gli optional il tris di borse, le barre protettive e le manopole riscaldabili.

Bicilindrico

Il motore è il bicilindrico da 648 cc che scarica a terra 61 Cv di potenza a 8.500 giri con 56 Nm di coppia massima a 7.000 giri. La velocità massima dichiarata è di 175 km/h, con un peso a secco di 213 kg. La crossover è disponibile anche in versione depotenziata a 48 Cv per i neopatentati.

Tre livree

Tre le colorazioni disponibili per la X-Cape 650: Dolomite Red, Blanco White e Carrara Grey. In Italia non è ancora tempo di vederla, anche se tutto il progetto è stato realizzato nel nostro paese. Per ora il lancio è confinato al mercato cinese.

Feiken TT 250, il clone Husqvarna "Made in China"