Norton Superlight SS, la sportiva da 170 cavalli in fase di sviluppo

Norton Superlight SS, la sportiva da 170 cavalli in fase di sviluppo

La versione potenziata della "Supercharged" 650 si mostra nei brevetti depositati dalla Casa inglese: è dotata di un bicilindrico parallelo con compressore Rotrex

Redazione - @InMoto_it

Per Norton è tempo di pensare anche alla sportività. La Casa inglese, tra ripartenze e modelli scrambler, non sta solamente pensando al lancio della sua V4RR, ma sviluppa qualcosa di più potente ed esclusivo. Il marchio ha infatti presentato i brevetti della sua Superlight SS, versione più prestazionale della già efficace Superlight 650.

FIBRA DI CARBONIO E MOTORE 2 CILINDRI CON COMPRESSORE

La Superlight 650 venne presentata a Birmingham nel 2018: spinta da un bicilindrico parallelo con compressore centrifugo Rotrex da 105 cv, aveva telaio, forcellone monobraccio e cerchi in fibra di carbonio. La Superlight SS, lanciata ancora una volta al Salone di Birmingham l'anno successivo, non era che la versione ancora più potente, portata a 170 cv, e dal peso diminuito a 153 kg complessivi. Ne furono promessi 50 esemplari, un progetto finito in cantina a causa del fallimento del marchio. L'arrivo dell'indiana TVS e la rinascita di Norton Motorcycles ha però rimescolato le carte in tavola.

I DISEGNI DELLA SUPERLIGHT SS

E adesso, Norton Superlight SS non è più fantasia. La supersportiva arriverà dopo la Superlight 650 (che, a proposito, conferma il propulsore aspirato e il telaio in alluminio) e, come brevetti dimostrano, conferma il compressore Rotrex, montato sopra il cambio e in grado di fornire una sovrappressione da 1,2 bar. Ad alimentarlo ci pensa una presa d'aria frontale, soluzione adottata anche dalla Kawasaki Z H2.

Norton Superlight SS FOTO

Norton Superlight SS FOTO

La versione potenziata della Supercharged 650 si mostra nei brevetti depositati dalla Casa inglese: è dotata di un bicilindrico parallelo con compressore Rotrex

Guarda la gallery

Presente anche una seconda presa d'aria, a destra del cupolino: l'aria arriva così a uno scambiatore di calore, che raffredda l'aria d'aspirazione facendola uscire dal sottosella.

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento