I giorni del Coronavirus non vedono solo raccomandazioni e bollettini, ma ogni tanto regalano qualche bella storia da raccontare. Come quella dell'associazione "Semper Fidelis Alto Tirreno", con sede a Carrara, che in questi giorni porta la spesa a casa o compie delle commissioni per la gente che ha difficoltà ad uscire di casa.

HARLEY-DAVIDSON E BENEFICENZA

Il gruppo è nato nel dicembre 2014 ed è costituito da grandi appassionati di Harley-Davidson, con tanto di gilet e spilla ufficiale, e affiliato all'associazione principale che ha sede a Roma. La loro mission è ben esplicata già dalla pagina Facebook ufficiale: "Aiutare il prossimo, divertendoci e utilizzando la passione di cui disponiamo".

Coronavirus, la bufala dell'asfalto: può trasmetterlo?

Sì, perché "Semper Fidelis Alto Tirreno" non è nuova ad iniziative benefiche. Dalla loro fondazione a oggi, hanno infatti sostenuto numerose attività sociali a livello medico, per le case famiglie e favorito progetti per la lotta al bullismo. Opere commoventi, per cui questi Hoggers toscani non hanno mai ricevuto nè richiesto pubblicità.

Una grande famiglia che adesso si è messa a disposizione degli anziani, che per via del virus hanno più difficoltà ad uscire di casa per fare la spesa. "Il fatto di offrire questo piccolo servizio è un processo naturale, ci sono tante persone anziane che non hanno nipoti - racconta alle pagine del quotidiano La Nazione il presidente dell'associazione, Luca Clementi -. Quindi mi sono offerto di fare qualche commissione per loro, da qui ho deciso di allargarla al gruppo, l’iniziativa è stata subito apprezzata.

Adesso ci coordineremo per dare un servizio ancora più concreto. Abbiamo appena iniziato e abbiamo già avuto richieste: molte volte fare la spesa o una piccola commissione come andare a pagare le bollette per noi può essere semplice, per una persona che non può muoversi invece può essere un grande problema. Ci siamo messi d’accordo con i piccoli commercianti sotto casa, che ci preparano la busta con le cose che vengono richieste. Una volta arrivati con la spesa o con la bolletta pagata la lasciamo sulla porta, prendiamo i soldi e il gioco è fatto".

Coronavirus, situazione delle aziende moto: chi lavora e chi no