Triumph, partnership con Bajaj e primi test per la moto elettrica

Triumph, partnership con Bajaj e primi test per la moto elettrica

Riprende il piano per la progettazione di nuovi modelli tra la Casa inglese e il colosso indiano, mentre la TE-1 a zero emissioni è pronta a entrare nella fase cruciale dello sviluppo

Redazione - @InMoto_it

Un accordo stipulato a gennaio 2020, poi interrotto a causa della pandemia, quello tra Triumph e il marchio indiano Bajaj: sul piatto, un piano per realizzare diversi modelli con cilindrate che andavano dai 200 ai 750cc. Un progetto che oggi, con la crisi sanitaria meno diffusa e con i vaccini a pieno regime, riprende vigore, mentre iniziano ad aprirsi strade elettrificate.

TRIUMPH E BAJAJ, LA PRIMA MOTO ARRIVERÀ NEL 2023

DESIGN TRIUMPH, KNOW-HOW BAJAJ

Bajaj, colosso del Paese asiatico, non è alla sua prima esperienza con una Casa motociclistica, dato che in passato ha lavorato con Kawasaki ed è attualmente uno dei partner più solidi di KTM. La collaborazione con Triumph non ha ancora dei nomi precisi o delle date di uscita sul mercato. Ciò che trapela da Hinckley è che le moto presenteranno un design tipico Triumph: la parte di Bajaj, semmai, è quella di apporre il proprio know-how in fase di sviluppo, specialmente per quanto riguarda i modelli meno prestazionali.

ELETTRICA PRONTA AI TEST

Il progetto Bajaj non è l'unico nell'agenda di Triumph. La Casa inglese ha recentemente rivelato il suo prototipo di moto elettrica, il TE-1, pronto a entrare nella prima fase di test, e continua a sviluppare la piattaforma con la Williams Advanced Engineering, braccio della celebre scuderia britannica di Formula 1.

TRIUMPH TE-1: PRODUZIONE VICINA PER L'ELETTRICA INGLESE

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento