Triumph TE-1: produzione vicina per l'elettrica inglese

Triumph TE-1: produzione vicina per l'elettrica inglese

La futura due ruote elettrica della Casa motociclistica britannica inizia a prendere forma. Oltre ad aver rivelato il nuovo powertrain elettrico sono stati svelati anche i primi bozzetti di design

Redazione - @InMoto_it

Già da qualche anno in casa Triumph si pensa al futuro. Non è certo un segreto, infatti, il loro nuovo progetto – lanciato ufficialmente nel maggio 2019 e finanziato dall’ Office for Zero Emission Vehicles del governo inglese - finalizzato allo sviluppo di un veicolo elettrico su due ruote frutto della collaborazione tra l’Azienda inglese, Williams Advanced Engineering, Integral Powertrain Ltd e l’Università di Warwick. Si tratta del progetto TE-1, che proprio in questi giorni ha raggiunto la Fase 2 del programma di sviluppo e si avvicina a passo svelto verso la produzione.

Triumph TE-1: prototipo elettrico della Casa britannica

Triumph TE-1: prototipo elettrico della Casa britannica

La Fase 2 dello sviluppo si è aperto in quel di Hinckley con la presentazione ufficiale dell’innovativo powertrain elettrico completo di batteria, dei primi bozzetti di design e dagli iniziali riscontri ottenuti dal prototipo cui in futuro deriverà la moto vera e propria. Ecco alcune immagini

Guarda la gallery

Triumph Rocket 3 R Black e GT Triple Black: anima nera

BATTERIA COMPATTA E OTTIMIZZATA

Il secondo capitolo, dunque, si è aperto in quel di Hinckley con la presentazione ufficiale dell’innovativo powertrain elettrico completo di batteria, dei primi bozzetti di design e dagli iniziali riscontri ottenuti dal prototipo cui in futuro deriverà la moto vera e propria.

A primo impatto, la nuova motocicletta Triumph sembra essere una versione “green” della recente Speed Triple. Tuttavia, se sul lato estetico le forme sembrano essere simili seppur più estremizzate, sotto al telaio la TE-1 avrà un cuore completamente elettrico incentrato su una batteria compatta di nuova concezione capace di regalare ai motociclisti prestazioni ottimizzate e potenza di 180 cv. Grazie soprattutto ad una massa ridotta e ad un miglioramento della sua posizione all’interno del telaio stesso.

Il completamento della Fase 2 - ha dichiarato Nick Bloor, CEO di Triumph -, e i promettenti risultati raggiunti ad oggi, ci forniscono una interessante anticipazione delle reali potenzialità del veicolo elettrico e mostrano bene il talento e lo spirito innovativo di questa collaborazione tra diverse eccellenze britanniche. Senza dubbio, i risultati di questo progetto ci saranno molto utili per fissare e definire le aspettative dei nostri clienti verso la commercializzazione di un veicolo in grado di ridurre significativamente l’impatto ambientale”.

IN ATTESA DI FASE 3 E FASE 4

I risultati dello sviluppo intrapreso fino a questo momento da Triumph, Williams e le altre aziende hanno incluso, inoltre, una serie di test al banco prova che hanno dimostrato – secondo i partner - come le prestazioni della powertrain di TE-1 superino di gran lunga quelle che attualmente sono sul mercato, sia in termini di potenza che in termini di densità dell’energia elettrica disponibile.

Non ci resta, quindi, che attendere Fase 3 e Fase 4 per capire come si svilupperà ulteriormente il progetto e se potrà insidiare le rivali che ad oggi popolano il mercato delle due ruote elettriche.

Triumph Trident 660: le carene Arton Works vestono la naked

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento