L’avreste mai detto che qualcuno avrebbe realizzato, con la stampa 3D, una moto elettrica per il soccorso alpino? Ebbene è successo, e il merito va al produttore spagnolo di stampanti 3D BCN3D e all’Elisava Racing Team della Scuola di Design e Ingegneria dell’Università di Barcellona che insieme hanno progettato Dayna, uno speciale mezzo adibito alle operazioni di soccorso in montagna, o comunque in ambienti particolarmente ostili. Sono 19 le parti stampate in 3D, composte da vai materiali tecnici.

Moto Guzzi V7 III, Vagabund realizza il concept V14 con stampa 3D

Sensori, Bluetooth e GPS

Con la loro conoscenza dei materiali e della tecnologia di stampa FFF, il team di BCN3D ci ha aiutato a completare la definizione della forma dei componenti per facilitare la stampa, nonché a configurare le parti per avere una qualità migliore e ridurre i supporti e i problemi durante la stampa”, ha spiegato Jacobo Mateos, Project Manager dell’Elisava Racing Team. Cosa c’è alla base di Dayna? Un sistema intelligente connesso a Internet e dotato di sensori (sia di angolo cieco che di prossimità), ma anche di Bluetooth e GPS. Tutti strumenti utili per permettere al mezzo di essere più veloce nella risposta all’emergenza e nell’offrire i soccorsi. Il progetto, qualora la moto dovesse essere commercializzata, è quello di collegare i dispositivi di localizzazione GPS con i dati delle app dei motociclisti per permettere una preventiva assistenza in caso di incidente.

I materiali

Per i materiali è stato fatto un ragionamento ben preciso. Quelli delle componenti che devono entrare contatto con le batterie o con l’elettronica sono stati stampati con l’ABS (che non è il sistema anti bloccaggio, ma l’Acrylonitrile Butadiene Styrene), sfruttandone la resistenza strutturale e termica e la bassa carica statica, mentre per le parti in cui la resistenza all’attrito era fondamentale è stato utilizzato il PA. Ma ci sono anche altri componenti, con specifiche esigenze, che hanno richiesto ancora altri materiali: un esempio è il parafango, elemento soggetto alla rottura a causa degli urti, per il quale è stato utilizzato il filamento composito in fibra di vetro PP GF30 di BCN3D. A fare tutto il lavoro ci ha pensato la Epsilon W50, la più grande stampante 3D di BCN3D.

Superstrata Ion, la prima e-bike stampata in 3D con fibra di carbonio