Oki100, in India 'massacrano' un mito come la Ducati Monster

Oki100, in India 'massacrano' un mito come la Ducati Monster© BikeWale

Il modello della Okinawa Scooters non fa nulla per nascondere la propria ispirazione: le uniche differenze rispetto alla naked di Borgo Panigale sono le dimensioni e l'alimentazione green

Redazione - @InMoto_it

Si chiama Oki100, è una moto elettrica della Casa indiana Okinawa, specializzata perlopiù in scooter, e non fa nulla, ma proprio nulla, per nascondere la sua ispirazione principale: la Ducati Monster. Con la differenza, rispetto alla naked di Borgo Panigale, di essere molto più piccola e di avere ben altra alimentazione.

UNA PICCOLA MONSTER VECCHIA SCUOLA

Oki100, in India 'massacrano' un mito come la Ducati Monster FOTO

Oki100, in India 'massacrano' un mito come la Ducati Monster FOTO

Si chiama Oki100, è una moto elettrica della Casa indiana Okinawa, specializzata perlopiù in scooter, e non fa nulla, ma proprio nulla, per nascondere la sua ispirazione principale: la Ducati Monster. Con la differenza, rispetto alla naked di Borgo Panigale, di essere molto più piccola e di avere ben altra alimentazione.

Guarda la gallery

Un'ispirazione che si palesa nelle forme. Oki100 presenta infatti lo stesso serbatoio, la presa d'aria anteriore, faro e telaio a traliccio della classica Monster (la 796), solo ridimensionato. Anche lo slogan che l'azienda costruttrice ha ideato per il modello, "Silent Monster", non lascia scampo a interpretazioni.

“Ducati Monster”: il libro di Alan Cathcart celebra il mito di Borgo Panigale

PRESTAZIONI

Per il resto, Oki100 non è un modello destinato a lunghe corse o a diversi percorsi, ma è più che altro una normale moto per neofiti e motociclisti che devono usare il mezzo per spostarsi in città. La spinta elettrica pare tuttavia riesca a fornire una velocità massima di 100 km/h. La batteria agli ioni di litio removibile ha invece un'autonomia di 150 km. Si tratta di un modello che potrebbe avere fortuna in India, dato il traffico che si raccoglie nelle immense città del Paese asiatico. In Europa, e soprattutto in Italia, lo vedremmo di certo con occhi diversi.

Il Monster è morto, Viva il Monster!

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento