Rewind, Aprilia RS 50 Extrema: non chiamatemi "cinquantino"

Rewind, Aprilia RS 50 Extrema: non chiamatemi "cinquantino"

Simile in molti dettagli alla 125 era disponibile anche nella colorazione "Chesterfield" che replica delle 250 GP di Biaggi e Ruggia

Redazione - @InMoto_it

Il "cinquantino" supersport di casa Aprilia aveva tutto quello che serviva per fare impazzire i giovanissimi appassionati, risultando stilisticamente identico (livrea compresa) alla omologa versione di 125 cc. Di quest'ultima riproponeva infatti le stesse forme del bel cupolino, dell'avvolgente carenatura, dell'affusolato codino e con la medesima precisione e ricercatezza delle finiture. Lo testimoniavano le belle ruote in lega leggera, l'accurato design degli specchi retrovisori, la completezza della strumentazione e l'ottima realizzazione dei principali comandi. Non proprio, dunque, un semplice "ciclomotore", nonostante il Codice della Strada ne relegasse di fatto prestazioni e posizionamento in quella categoria.

Dal punto di vista costruttivo l'RS 50 adottava il robusto telaio a doppio trave discendente in acciaio, completato dal forcellone monobraccio, a cui era accoppiata la forcella teleidraulica a perno centrale con steli di 30 mm ed escursione di 110 mm, la stessa offerta dal singolo ammortizzatore posteriore. Il raffinato impianto frenante si componeva di un grosso disco anteriore di 290 mm e di un'unità posteriore di 220 mm , entrambi installati su cerchi in lega a tre razze provvisti di pneumatici tubeless. Completamente nascosto dalla carenatura, l'evoluto propulsore a due tempi, monocilindrico, raffreddato a liquido, vantava la lubrificazione automatica, il contralbero bilanciatore, l'ammissione lamellare nonché un raffinato gruppo termico ed il nuovo cambio a cinque marce (in luogo del precedente a tre rapporti in ossequio alle più permissive norme al periodo in vigore) ben spaziate. Il prezzo non era di quelli popolari, ma oggi sarebbe un discreto affare è da dire: 4.480.000 lire (circa 2400 euro al cambio).

Aprilia RS 50 Extrema

Aprilia RS 50 Extrema

La guida del "cinquantino" di Noale era ancora più sportiva grazie al cambio a cinque rapporti, per un comportamento grintoso in grado di far divertire i giovanissimi motociclisti. Il modello, identico all'Extrema 125, era disponibile anche nella colorazione "Chesterfield" che replicava quella delle 250 GP di Biaggi e Ruggia

Guarda la gallery

Gira pagina per leggere la nostra prova:

1 di 2

Avanti
  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento