In Moto Con l'Africa, 50.000 euro raccolti in due anni

In Moto Con l'Africa, 50.000 euro raccolti in due anni

Grazie alle donazioni, il Moto Club ha potuto effettuare 3.000 corse da e per gli ospedali, riempito 800 serbatoi di benzina e acquistato 9 moto

Redazione - @InMoto_it

Meno di due anni di attività, ma già un importantissimo traguardo, per il progetto In Moto Con l'Africa: 50.000 euro raccolti e messi a disposizione di Medici con l'Africa CUAMM. Numeri che significano una donazione servita per acquistare 9 moto, riempire 800 serbatoi di carburante e pagare 3000 voucher ai driver locali di moto-taxi corrispondenti ad altrettante corse da o per gli ospedali.

LE MOTO AIUTANO LA POPOLAZIONE

Grazie ai numerosi sostenitori, motociclisti e non, molte persone in Sierra Leone, Uganda e Sud Sudan - luoghi in cui una piccola e agile motocicletta può fare la differenza tra la vita e la morte - potranno ricevere le cure più in fretta. E le moto si rivelano ancora più importanti al giorno d'oggi, in tempi di Covid, poiché riescono a trasportare i vaccini fino ai villaggi più sperduti.

BASTANO ANCHE PICCOLE DONAZIONI

Lo scopo del Moto Club affiliato FMI In Moto Con l'Africa è quello di sostenere il progetto di raccolta fondi con iniziative mirate e con il coinvolgimento di sempre più motociclisti e simpatizzanti. Nel 2021, nonostante le limitazioni dovute alla pandemia, il Moto Club ha portato a termine tutte le prove del Moto Guzzi Fast Endurance European Cup, ha organizzato l'evento "30 ore on-off" - una maratona in enduro turistico sugli Appennini - e tenuto un raduno itinerante sui Colli Euganei, ad Arquà Petrarca. Si può sostenere il progetto con qualsiasi cifra, anche piccola, dato che bastano 6 euro per garantire una corsa in ospedale.

IN MOTO CON L'AFRICA, AL MBE LA PRESENTAZIONE DEL NUOVO "META-LIBRO"

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento