Aprilia Leonardo 500 2T: una bomba mai esplosa

Aprilia Leonardo 500 2T: una bomba mai esplosa

Erano i primi anni 2000 e il TMax era già un best seller del mercato. Aprilia decise di rispondere con un maxi scooter sportivo ipertecnologico dotato di un motore 2 tempi da 500cc, ma purtroppo la storia non ebbe un lieto fine

Un progetto ambizioso, forse troppo

L'ambizione di questo progetto era tanta e lo studio era in fase molto avanzata. Si può anche dire - a giudicare dalle poche immagini che sono rimaste in rete - che si trattasse di un pre-produzione fatto e finito, e non di un concept in fase embrionale. Purtroppo, come spesso accade ai bei progetti, tutto è finito nel dimenticatoio, perchè a 2004 inoltrato è arrivato l'annuncio dell'acquisizione di Aprilia da parte del Gruppo Piaggio, che ha sconvolto tutti i piani produttivi del marchio e ha messo prima in standby e poi in archivio il bellissimo Leonardo 500.

Non si sapeva se sarebbe stato economicamente fattibile senza costare parecchio di più del TMax, e non si sapeva per certo se il sistema DiTech sarebbe stato affidabile come un 4T (nei 50ini della serie RS dava parecchi problemi). Tutti rischi che un'azienda attenta a guadagni ed economie di scala come Piaggio ha preferito non correre. Ed è con la cancellazione del Leo 500 che se n'è andato anche l'ultimo sogno di Ivano Beggio, quello di creare uno scooter fuori di testa per prestazioni e scelte tecniche, un sicuro istant classic con tutte le caratteristiche dei progetti unici e azzardati... una vera Aprilia.

Indietro

2 di 2

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento