Il mondo dei motori è più unito che mai e non manca il supporto nella battaglia al coronavirus. Tra le tante case motociclistiche che stanno dando una mano c’è anche MV Agusta che, dopo aver fermato la produzione, ha donato all’ASST dei Sette Laghi un’attrezzatura che consentirà di analizzare velocemente fino a 96 campioni con tempi di risposta di trenta minuti e può essere utilizzata anche in remoto. Un bel regalo per gli ospedali di Varese.

Coronavirus, Dainese apre la raccolta fondi a favore dei medici

Velocizzare i controlli 

QuantStudioTM 5 Real-Time PCR System è il nome del macchinato donato da MV Agusta e il suo scopo principale è quello di velocizzare e aumentare il raggio di identificazione dei soggetti positivi, compreso il personale sanitario. In questo modo si possono tenere sotto controllo sempre più persone, anche in futuro, per qualsiasi diagnosi che riguarda il campo della virologia. “In questa situazione di emergenza è importante per noi fare la nostra parte e sostenere chi opera per la protezione della nostra comunità”, ha dichiarato Timur Sardarov, CEO di MV Agusta Motor S.p.A. “La Fondazione Circolo della Bontà ci ha permesso di individuare quali fossero in questo momento le necessità critiche, consentendoci di agire in modo efficace e mirato. Siamo inoltre in contatto con l’ospedale per identificare ulteriori esigenze”. L’iniziativa della Casa di Varese è, infatti, nata grazie al legame con la Fondazione Circolo della Bontà Onlus che già l’8 marzo aveva avviato una raccolta fondi per apparecchiature per pazienti in terapia intensiva.

Il Coronavirus ispira la Italian Resilience di FMW Motorcycles