Mentre Yamaha cancella la sua Racing Experience per il 2020per Coronavirus, su base Yamaha arriva la ‘Italian Resilience’. E' una special eclettica, che nasce da una GTS 1100 e ha sicuramente un primato: è la prima special ispirata in qualche modo dal Coronavirus.

In particolare, è il nome a derivare dall’attuale situazione in cui si trova il nostro Paese, come ci ha spiegato lo stesso customiser, Lorenzo Fugaroli, fondatore di FMW Motorcycles.

La ‘resistenza’ dell’Italia

Il nome ‘Italian Resilience’ vuol riportare il pensiero a questo particolare periodo e mi è venuto in mente perché sono stato costretto a chiudere momentaneamente la mia officina ad Ancona per via dell’afflusso di visitatori. Per completare la moto ho dovuto caricarla smontata sul furgone e poi l’ho assemblata nel garage sotto casa, con le dovute complicazioni date dalla complessità del progetto, e con un impaziente proprietario…”, racconta Lorenzo.

“Il mio vuol essere un piccolo omaggio di conforto a tutti coloro che, come me, stanno attraversando disagi e sconforto dovuti al Coronavirus. FMW motorcycles ha tenuto alti i colori italiani vincendo a Colonia il campionato del mondo custom 2018 e 2019 e questa special vuol essere un esempio di ‘resistenza’ di tutte le piccole attività artigianali che sono poco tutelate. Spinte dalla passione, conquistano enormi risultati mondiali ma poi vengono messe in ginocchio da eventi avversi come quello che sta passando l'Italia in questo periodo”, aggiunge Lorenzo Fugaroli.

Com’è fatta

La base di partenza della "Italian Resilience" è una Yamaha GTS, sulla quale Lorenzo Fugaroli ha svolto diversi lavori: il monobraccio posteriore è quello della Honda VFR 750, il faro anteriore arriva da uno scooter Piaggio Beverly, l’ammortizzatore posteriore è di una Buell Cyclone e quello anteriore è di una Yamaha R6, la pompa della benzina è di derivazione Suzuki, la pompa dell’acqua è di una MV Agusta.

Un vero capolavoro è la carrozzeria, tutta in alluminio battuta a mano, mentre il cerchio anteriore è stato ottenuto unendo un cerchio posteriore Honda NSR 180SP del mercato asiatico e un cerchio posteriore dell’Honda VFR. Artigianale anche l’impianto di scarico completo, così come i cornetti di aspirazione ricavati dal pieno. Il motore inoltre è stato convertito dal sistema ad iniezione a quello carburatori.

“Il lavoro più impegnativo è stato adattare la centralina originale e costruire un modulo aggiuntivo per bypassare l'antifurto ‘primordiale’ montato di serie sulla GTS”, aggiunge Lorenzo Fugaroli.

Il risultato parla da solo, e a rendere la Italian Resilience ancora più preziosa sono anche le condizioni difficili in cui è stata realizzata e il messaggio positivo di FMW Motorcycles: che l’Italia e le piccole imprese saranno ‘resilienti’ anche al Coronavirus.

The Recidivist: un sidecar da un milione di dollari