Il Coronavirus ormai sta dilagando anche negli Stati Uniti d’America. E anche Oltreoceano stanno prendendo l’iniziativa di fermare le fabbriche nel tentativo di arginare l’epidemia.

Così, dopo marchi come BMW, Yamaha, Ducati, Piaggio e Moto Morini,  adesso arriva la notizia che anche Harley-Davidson è stata costretta a chiudere tre dei suoi stabilimenti.

L’elemento scatenante della sospensione delle attività è stata la scoperta che un dipendente che lavorava nella struttura operativa di Pilgrim Road Powertrain è risultato positivo al Coronavirus. Di qui la decisione di interrompere la produzione in questa fabbrica, oltre a sospendere le operazioni nelle sue strutture di York e Tomahawk.

Harley-Davidson ha dichiarato che chiuderà queste fabbriche fino al 29 marzo, per sostenere la salute dei dipendenti e rafforzare ulteriormente gli sforzi di contenimento del Coronavirus".

Senza precedenti

Riconosciamo la natura senza precedenti di questa crisi globale. Al fine di supportare al meglio i nostri dipendenti e seguendo le indicazioni di allontanamento sociale emesse dalle autorità sanitarie pubbliche, stiamo temporaneamente sospendendo la maggior parte della produzione presso le nostre strutture produttive statunitensi ", ha dichiarato Jochen Zeitz, CEO e presidente di Harley-Davidson. "Continueremo a monitorare la situazione e adotteremo le misure necessarie per dare priorità alla salute e alla sicurezza dei dipendenti".

I marchio americano punta a riavviare le sue operazioni il mese prossimo (come fanno molti marchi nel settore motociclistico), ma la prospettiva è quella di "aspettare e vedere" poiché i casi di Coronavirus continuano a salire negli Stati Uniti e molte date di riavvio sembrano irrealistiche.

Dipendenti licenziati

Harley-Davidson ha fatto sapere che la maggior parte dei suoi dipendenti di produzione negli Stati Uniti sarà temporaneamente licenziata fino a quando non riaprirà le sue fabbriche, ma rimarranno attive le prestazioni mediche per gli ex-dipendenti.

Il marchio Bar & Shield afferma che utilizzerà i tempi di chiusura della fabbrica per pulire a fondo e disinfettare le sue strutture in vista del ritorno dei lavoratori.

Eventi cancellati

Sono stati cancellati fino a metà aprile anche tutti gli eventi sponsorizzati da Harley-Davidson.

I risvolti economici a medio e lungo termine sono difficili da prevedere, ma al momento le azioni dell'azienda di Milwaukee sono scese del 9,23%. 

Harley-Davidson, Android Auto sulla gamma 2021