Estate che diventa rovente, asfalto che scotta ed aria fastidiosa. Andare in moto nella stagione calda non è sempre il massimo della vita, diciamocelo e spesso ci si lascia andare sull'abbigliamento protettivo ed a comportamenti non proprio consoni. Troppo spesso se ne fa a meno, limitandosi al massimo ad un paio di guanti leggeri (almeno quelli). Il casco poi, con la canicola che incombe, diventa difficile da sopportare, specie se chiuso. Ma sempre meglio un integrale o un jet e con visiera abbassata che andare in moto a volto scoperto per godersi la brezza rigenerante.

Justin Bieber ne combina un'altra: in moto al telefono con il casco slacciato

NON SOTTOVALUTIAMO LA STRADA

L'esempio? Una foto postate da un motociclista americno che mostra gli affetti di un banale sasso (lanciato da un mezzo che lo precedeva) che ha investito il suo volto. Fortunatamente, nonostante la profonda ferita, il sasso non ha colpito parti ben più delicate di uno zigomo. Ed è andata bene.

 

Insomma, la morale è la solita: in moto sempre ben protetti. Il messaggio di Doug Westly centra perfettamente l'obiettivo. E per chi ancora usa la "scodella", fatevi un piacere: lasciatela a casa, usate altro.

Estate in moto: 10 mete per sfuggire al caldo