Prova Metzeler Tourance Next 2: per viaggiare e... piegare

Prova Metzeler Tourance Next 2: per viaggiare e... piegare

Arriva l’edizione numero due dei pneumatici stradali per Maxi Enduro, che porta con sé nuove soluzioni tecniche, migliori prestazioni e più sicurezza

Il nuovo Tourance Next 2 di Metzleler è un pneumatico stradale dedicato alle moto con ruota anteriore da 19” o 21” (17” o 18” per il posteriore), fatto per viaggiare grazie al battistrada bimescola posteriore e per piegare, grazie alle sue doti sportive.

Curioso notare come l’intero battistrada anteriore adotti la stessa mescola della parte centrale del posteriore, grazie al nuovo mix di polimeri utilizzati, che offre alta durabilità ed elevato grip, garantendo da un lato un ottimale adattamento al fondo stradale, dall’altro la corretta rigidezza strutturale.

Tourance Next 2: La tecnica

Le particolarià tecniche vedono il sistema Hyperbase: una base di compound full carbon, sulla quale appoggia tutto il battistrada, con il compito di distribuire meglio forze e temperature, migliorando il rendimento strutturale. Il sistema Dymatec è ancora più interessante: per la prima volta abbiamo visto le pareti degli intagli con diversa angolazione a seconda della posizione. Questo ottimizza flessioni e usura del battistrada a seconda del diverso angolo di piega. InoltreRicordiamo sempre che una struttura con deformazioni uniformi trasmette informazioni più coerenti anche all’elettronica della moto, aiutando soprattutto ABS e controllo trazione a lavorare nel modo migliore.

Grande attenzione è stata data anche al rendimento sul bagnato, dove secondo i rilevamenti di Metzeler, lo spazio di frenata da 85 Km/h con asfalto bagnato diminuisce di 2,33 metri, con una decelerazione incrementata del 7% rispetto al vecchio modello.

Tourance Next 2, la guida

Metzeler Tourance Next 2 - Foto

Metzeler Tourance Next 2 - Foto

Arriva l’edizione numero due dei pneumatici stradali per Maxi Enduro, che porta con sé nuove soluzioni tecniche, migliori prestazioni e più sicurezza

Guarda la gallery

Il primo grande pregio dei Tourance Next 2 è il comportamento assolutamente uniforme a fronte dei diversi pesi, potenze e misure delle moto su cui li abbiamo testati; Aprilia Tuareg, KTM 890, GS 1250 e Ducati Multistrada V4, con tutte abbiamo guidato con grande dimestichezza su asfalti da piega come su stradine secondarie decisamente malmesse, con una costante sensazione di sicurezza, di quelle che permettono di divertirti e fare strada, a prescindere dal tipo di asfalto che scorre sotto le ruote. Quando poi il fondo è buono, il comportamento diventa quasi da pneumatico sportivo. Discesa in piega molto fluida e appoggio granitico in accelerazione, di quelli che ti portano a giocare con il traction control facendolo intervenire senza quasi accorgersene. Il lato bello di questo posteriore è che anche affrontando sconnessioni in piega, l’assetto viene alterato in modo minimale, anche sulle maggiori misure del posteriore, questo è un pregio prezioso. Sull’anteriore non abbiamo registrato alcuna tendenza a sbacchettare o reagire in maniera secca sulle sconnessioni, anzi, basta poco per fidarsi pienamente della sua costante precisione.

METZELER SPORTEC M9 RR, PNEUMATICI PER LE MAXI ENDURO

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento