Tra i vari progetti di Suzuki, spunta quello del Team Classic Suzuki (con l’ausilio di Suzuki Vintage Parts) decisamente ambizioso. Sulla base di una GSX-R1000 del Mondiale Superbike 2008, il team ha costruito una nuova e affasciante moto, omaggiando la leggendaria Katana degli anni ’80.

Gli interventi

Alla base, dicevamo la GSX-R1000 con un motore a quattro cilindri in linea e un telaio entrambi di Alstare Racing. Partendo da qui, Suzuki ha aggiunto un forcellone irrobustito su misura e anche un telaio ausiliario realizzato ad hoc da Alpha Performance Fabrications. Questi nuovi elementi permettono l'utilizzo di una configurazione di sospensione posteriore a doppio ammortizzatore proprio come la vecchia Katana, dove troviamo protagonisti una coppia di Öhlins.

Sebbene il motore, che eroga 200 CV, sia rimasto invariato, non sono mancanti gli interventi: adesso può contare su un collettore Alstare WSB-spec, uno scarico Racefit e l'elettronica con kit Yoshimura EM Pro, tutti elementi che puntano a rendere la moto più maneggevole e facile  da guidare, come un modello da strada. Abbiamo poi cerchi a tre razze Dymag CH3, freni Brembo, nuove pedane e infine il muso originale di una Katana, ma appena allargato, disponibile dal programma Suzuki Vintage Parts. La sella da gara è stata poi modificata, per adattarla anche alla misura del serbatoio, ed è anche stato aggiunto il logo Katana, il tradizionale logo rosso Suzuki della moto degli anni '80. Non male come risultato!

Test Suzuki Hayabusa, i voti del #SottoEsame