Il velo è tolto: a Motor Bike Expo 2020 Katana ha presentato al mondo la nuova special Katana 7584, esemplare unico ispirato a un concept d’annata: la Katana 750 m.y. 1984. La peculiarità di quel modello era il faro anteriore a scomparsa, mai applicato prima su una moto e ammirato solo sulle auto sportive dell’epoca.

OMAGGIO ALLA 750 1984

Prodotta in un unico esemplare, la Katana 7584 potrebbe diventare una serie limitata in omaggio alla 750. Era il 1984 e il brand giapponese continuava a stupire gli appassionati con le sue moto innovative dalle forme inedite. La cosiddetta “Katana Shark” godeva di linee delicate, come modellate dalla velocità, con dettagli oro, blu e grigio mat. La livrea della 7584 è stata lavorata proprio con il grigio mat, con tinte di Cosmic Blue, Lipstick Red e Metal Gold. Al posto del classico logo Suzuki si introduce una Big label che richiama lo stile delle GSX-RR del Team Ecstar MotoGP. Le forme originali del concept anni Ottanta sono state levigate nei fianchetti, privati delle prese d’aria e dunque più puliti.

TECNICA SOPRAFFINA

L’equipaggiamento della special vede il cupolino maggiorato, la sella bicolore rosso e nero e il parafango anteriore in carbonio. A livello di prestazioni, lo scarico completo Yoshimura con collettori in acciaio e terminale R-11 rinnova il rombo della moto, che ripropone intanto il quadro tecnico della Katana standard. Il motore è un’evoluzione della GSX-R1000 K5, con 150 cv che si scatenano già a bassi regimi. Il telaio in alluminio rigido permette curvature precise grazie anche alla forcella upside-down KYB da 43 mm.

L’impianto frenante è Brembo con sistema antibloccaggio ABS Bosch. L’estrema cura tecnica si rivede anche nell’elettronica, che permette di gestire il motore con il controllo elettronico della trazione e con i sistemi Suzuki Easy Start System e Low RPM Assist, per consentire migliori avviamento e partenze.

KATANA JINDACHI

Dal nome delle spade giapponesi arrivano due diverse versioni: la Katana standard parte da un listino di 13.690 euro, nei colori grigio e nero, mentre la Jindachi è la versione evoluta che comprende: scarico in titanio realizzato da Akrapovic, per una linea più sportiva dal peso ridotto; cupolino maggiorato per una continuità delle linee del frontale; sella bicolore in rosso e nero con logo Katana stampato; adesivi per carrozzeria, ruote e protettivi carbon look; protezione per il serbatoio carbon look per limitare il rischio di graffi. Il kit della Jindachi costa 1.500 euro e garantisce un vantaggio per gli acquirenti di 900 euro, portando la moto a un prezzo complessivo di 14.290 euro.

Motor Bike Expo: tutte le info sulla edizione 2020