I dati sulle immatricolazioni di moto e scooter a novembre sono tornati ad essere confortanti, facendo segnare una netta ripresa del mercato.

Come vi abbiamo annunciato, nel mese di novembre le immatricolazioni di mezzi a due ruote a motore di cilindrata superiore a 50cc raggiungono quota 11.001 unità, facendo segnare un incremento del 19,93% rispetto allo stesso mese del 2019. A trainare verso l’alto il mercato sono soprattutto le moto che, con 5.002 veicoli venduti, registrano un’impennata del 40,86%.

Positivo anche l’andamento degli scooter, con 5.999 veicoli immatricolati, pari ad una crescita del 6,71%. Bene anche l’andamento dei ciclomotori, che crescono del 10,38% e fanno registrare 1.457 veicoli venduti.

ANCMA: Cambia il trend

Sorprende il primo posto nella classifica di novembre conquistato dalla Supermotard SMR125 di TM Racing, che totalizza ben 596 unità immatricolate e si piazza davanti a otto scooter. La seconda moto più venduta nel mese di novembre è la Benelli TRK 502, con 191 unità immatricolate.

MOTO E SOCIAL

“Stiamo notando un nuovo mercato di ragazzi, spinti dai social”, ci annuncia l’ufficio stampa di ANCMA. “Comincia ad essere una moda, un fenomeno interessante. Molte Case ci fanno notare che sui social molti giovanissimi condividono sul proprio profilo le loro foto sui 125, magari anche personalizzate con loro grafiche. Alle volte si cimentano in impennate ai limiti del codice della strada, ma hanno anche 5-10.000 followers.

"E’ un interessante ritorno alla moto con le marce, 2 tempi, che sono anche moto sulle quali i ragazzi possono mettere mano per fare manutenzione o elaborazioni. Difficilmente torneranno i tempi dei 125 'storici', dalla Honda NSR alla Cagiva Mito, ma le supermotard si stanno vendendo, sono moto facili come quelle da cross ma ottime da usare su asfalto grazie alle gomme stradali… E’ un mezzo che sta avvicinando molto le moto alle nuove generazioni”, concludono dall’ufficio stampa di ANCMA.

La top 20 moto

La classifica delle 20 moto più vendute dall’inizio dell’anno conferma al comando la Benelli TRK 502 – anche nella versione X, che svetta a quota 3.513 unità. Mantiene la seconda posizione  la BMW R1250 GS con 3.054 immatricolazioni da gennaio, con Honda Africa Twin sul terzo gradino del podio a quota 2.894.

Ci sono poi altre tre enduro nella top7, inframmezzate soltanto da una pura “turismo”, la Yamaha Tracer 900, quarta con 2.220 unità vendute. Quinta piazza per la Honda NX 750 X, con 2.007 unità, 4 in più della BMW R 1250 GS Adventure. Settima la Yamaha Teneré 700, con 1.739 moto vendute.

A completare la top 10, tre naked: Kawasaki Z900, con 1.487 unità vendute, Yamaha MT-07, a quota 1.471, e – novità - Moto Guzzi V7, che con 1.368 unità immatricolate spodesta la Yamaha MT-09 e balza in decima posizione.

Avanza di un piazzamento un’altra Moto Guzzi: la V85 TT, che sorpassa Kawasaki Versys 650 e si porta in tredicesima piazza.

Novità anche in quindicesima posizione, che ora appartiene al Keeway RKF 125, che scavalca Honda CB650R. New entry nella top 20 per il Fantic Caballero 500, che si piazza d’emblée in diciottesima posizione davanti al posto di Honda CB500X, che scala di una posizione. A completare la top 20, la Kawasaki Z650, mentre esce dalla top 20 la DL650A V-Strom, l’unica rappresentante di Suzuki nella classifica fino a ottobre.

La top 20 scooter

In cima alla classifica degli scooter si conferma Honda SH 150, con 9.997 unità immatricolate, oltre 1.500 in più rispetto al fratello minore SH 125, secondo davanti al Piaggio Beverly 300 ABS.

Ai piedi del podio Honda SH 300, con 6.670 unità immatricolate, davanti a Piaggio Liberty 125 ABS, Kymco Agility 125 R16 e Yamaha TMAX. Conquista un piazzamento Honda Forza 300, che con 3.641 immatricolazioni scavalca Yamaha XMax e s’impossessa dell’ottava posizione, con Piaggio Medley 125 che si conferma in top 10.

Avanti una posizione anche per il Silence S02, che sorpassa il Kymco People S125 e si porta in quindicesima piazza. Invariate le ultime cinque posizioni della top 20.

 I dati per cilindrata e segmento

L'analisi dei dati per fasce di cilindrata premia il segmento fino a 125 cc, che come lo scorso anno è primo in classifica, e subisce anche una variazione minima rispetto al 2019, con un -2,34%. Il maggior incremento è fra le cilindrate da 501 a 600cc, che rispetto allo scorso anno registrano un +57,08%.

L'analisi per cilindrata delle moto vede svettare sempre quelle dotate di propulsore fra i 751 e i 1000 cc, ma con un netto calo - del 21,24% - rispetto allo scorso anno. La differenza con le oltre 1000 cc adesso non è più così netta.

Considerando i segmenti delle moto, in testa rimangono le Naked, con 34.980 unità immatricolate dall'inizio dell'anno, e un calo solo del 4,16%. Più sensibile, invece il calo delle custom, che fa registrare un -16,59%, a fronte di una ripresa delle Supermotard, con un 13,60% di crescita.

 

Motoweek, parlano le novità 2021: le moto della prossima stagione