Le misure di contenimento del Coronavirus hanno colpito anche il Wheels and Waves: il gigantesco happening dedicato al mondo delle special avrebbe dovuto svolgersi dal 10 al 14 giugno nella cittadina basca di Biarritz, nel sud della Francia. Sulla scorta del successo delle edizioni precedenti, il programma prevedeva ben cinque giorni di celebrazione delle moto artigianali, con l’arrivo di partecipanti da tutto il mondo: uno scenario impossibile in tempi di Covid-19.

Si punta sull’autunno

Gli organizzatori, però, non si arrendono, e proveranno a fissare una nuova data in autunno, che verrà comunicata entro il 31 luglio.

“Wheels and Waves ha spesso dovuto affrontare imprevisti, superare ostacoli di vario genere per rendere questo evento all’altezza dei nostri sogni”, annunciano gli organizzatori.  “Seguendo le intatte motivazioni del pubblico e dei nostri partner, delle autorità di Biarritz, dell’ufficio turistico e degli attori economici locali, dei costruttori, degli artisti, dei giornalisti, dei fotografi, degli influencer e nonostante la crisi senza precedenti che stiamo attraversando, abbiamo lavorato finora nella speranza di continuare l'evento.

Oggi, questa decisione del Governo, che rispettiamo pienamente con convinzione, ci costringe a rivedere le nostre posizioni. Tuttavia, stiamo ancora lavorando duramente per mantenere la continuità di Wheels and Waves: si sta studiando la possibilità di un nuovo format nell'autunno 2020, a seconda dell'evoluzione della situazione sanitaria e delle relative misure legali. Vi terremo informati entro il 31 luglio”.

Il danno economico

Se davvero la nona edizione del Wheels and Waves non si dovesse tenere sarebbe un danno importante al settore custom.  

L’evento è un mix di musica, di arte e di competizioni dove oltre alle moto si cavalcano anche le onde vere (le ‘wawes’), con spettacolari esibizioni di surf ma anche di skateboard. Tutto in un unico show, con un oceano spettacolare Oceano a fare da sfondo.
Le due ruote sono protagoniste nelle loro molteplici interpretazioni: dalle café racers ai bobber, dai chopper alle flat-track fino alle moto vintage.

Insomma, il Wheels and Waves è un vero e proprio festival e diventato negli anni è diventato un appuntamento fisso anche per alcuni Costruttori, da Ducati a Royal Enfield, da BMW a Honda e Yamaha, che al grande show svelano delle proprie special realizzate proprio per l’occasione.

E la cancellazione definitiva del Wheels and Wawes 2020 sarebbe davvero pesante per l’economia del mondo custom.

Esclusivo, Capirossi: ‘Ecco la mia super Vespa 50 Special’