Piaggio: in arrivo nuovi sensori ARAS per moto e scooter

Piaggio: in arrivo nuovi sensori ARAS per moto e scooter

L’innovativo pacchetto di sensori comprende il radar di imaging 4D fornito da Vayyar. I motocicli e gli scooter del Gruppo che adotteranno questa tecnologia saranno lanciati nel 2022

Redazione - @InMoto_it

Dopo i robot industriali con tecnologia ad inseguimento frutto della collaborazione con Trimble, ecco che Piaggio Fast Forward - società facente parte del Gruppo Piaggio – presenterà a breve sul mercato una tecnologia di sensori all'avanguardia per robot, moto e scooter.

Piaggio: vendite record nel 2021, Aprilia mai così bene dal 2007

Tecnologia Imaging Radar 4D per scooter e moto.

L’innovativa soluzione di Piaggio Fast Forward è nata dall’accordo con Vayyar Imaging, società che fornirà i Radar-on-Chip che serviranno per lo sviluppo della prima piattaforma di sicurezza basata sulla tecnologia di Imaging Radar 4D e destinata a scooter e moto.

Il pacchetto comprende una serie di sensori per la produzione in scala dei sistemi ARAS (Advanced Rider Assistance Systems) – utili nella prevenzione di incidenti e nella protezione dei motociclisti - e sarà nel breve futuro sviluppato, costruito e fornito da Piaggio Fast Forward per i motocicli del Gruppo Piaggio.

La sicurezza dei motociclisti prima di tutto

I sensori, quindi, garantiranno molteplici funzioni ARAS, come il Blind Spot Detection, il Lane Change Assist e il Forward Collision Warning, con un unico sensore che copre un raggio di circa 100 metri, dotato di un campo visivo estremamente ampio. I robot che integrano questa tecnologia radar saranno presentati a fine 2021, mentre i motocicli del Gruppo Piaggio dotati di questo innovativo sensore sviluppato da Piaggio Fast Forward arriveranno sul mercato nel 2022.

"Questi sensori saranno degli alleati per i motociclisti, e rappresentano davvero un grande passo avanti per la loro sicurezza" – ha commentato Ilan Hayat, Director of Business Development di Vayyar Imaging - "[…] Siamo davvero felici di collaborare con PFF, per offrire ai motociclisti lo stesso standard di sicurezza di cui godono gli automobilisti.”

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento