Motociclette volanti? Subaru ci crede! La storica Casa automobilistica nipponica, infatti, sembra aver da poco depositato un brevetto presso l’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti (USPTO) riguardante un veicolo – molto simile ad una motocicletta - in grado di viaggiare su strada, ma racchiuso all'interno di una fusoliera con capacità di decollo e atterraggio verticale.

Top5, usato: moto che cresceranno di valore nei prossimi anni (Parte 2)

Già precedentemente depositato

L’indiscrezione è arrivata dai colleghi di Motorcycle.com, che hanno recentemente scovato il brevetto Subaru dopo che lo stesso progetto era già stato depositato in Giappone e negli USA per diverse volte tra l’agosto 2019 e il luglio 2020.

Tuttavia, stando a quanto trapelato in queste ultime ore, il nuovo brevetto della moto volante sarebbe stato nuovamente depositato presso l’USPTO lo scorso 1° aprile e, nonostante la data possa indurre a pensare nel classico pesce d’aprile, i disegni depositati da Subaru sembrano avere più che un fondo di verità.

Subaru, una realtà già ben collaudata

Se ad una prima riflessione tutto ciò può sembrare ancora fantascienza, la Casa automobilistica giapponese è forse una delle poche realtà che potrebbe realmente puntare alla produzione di un simile veicolo. Subaru, infatti, è fortemente coinvolta nell'industria aerea da moltissimo tempo, grazie alla produzione di elicotteri e veicoli senza pilota per la Japanese Self Defense Force e a quella di alcune componenti del Boeing 777X.

Michelin, brevettato un motore posteriore che aiuta nelle manovre

Ruote disegnate per l’uso stradale

Secondo i disegni comparsi sul sito dell’ufficio brevetti statunitense, il motociclo volante sarebbe in grado di effettuare una rapida conversione tra modalità aerea e terrestre. Le ali, infatti, si mostrano ripiegate lungo il lato della fusoliera, ma pronte per essere dispiegate su entrambi i lati per eseguire decolli e atterraggi anche grazie alla presenza di alcuni rotori. Nonostante questo, però, il brevetto spiega soprattutto il funzionamento delle due ruote.

Le ruote dello strano veicolo, infatti, risultano le stesse che normalmente si trovano su una normale motocicletta ed entrambe sono dotate di un proprio sistema di sospensione. In modalità di volo, tuttavia, un meccanismo di bloccaggio comprimerebbe i sistemi di sospensione, ritirando le ruote nella fusoliera. Cosa che, secondo Subaru, renderebbe possibile utilizzare il veicolo volante allo stesso modo di una normale motocicletta.

Ci vorrà ancora tanto tempo

Nel complesso, pare che la Casa nipponica abbia lavorato molto nello sviluppo di questa motocicletta volante, anche grazie alla presenza di molteplici comandi di guida posti sulle pedane e sul manubrio in grado di funzionare sia in volo che a terra. Tuttavia, nonostante i disegni riescono a darci un quadro molto chiaro, molto probabilmente dovremmo aspettare ancora parecchi anni prima di veder uscire dai cancelli di Tokyo la moto volante targata Subaru.

Honda, brevetta una moto elettrica con drone