Una rara e storica BMW andrà all'asta il prossimo 5 febbraio: si tratta di una R80 GS Paris Dakar del 1985 restaurata con grande cura, uno dei soli 200 esemplari realizzati dal Marchio bavarese.

PRIMA RISPOLVERATA NEL 2016

Il modello messo all'asta da Artcurial è fornito di documentazione storica e di un certificato BMW che ne dimostra l'autenticità: atto doveroso per non incappare in una delle innumerevoli repliche che negli anni gli appassionati hanno costruito. Si presenta in condizioni ottime, frutto di un restauro totale effettuato nel 2016 dopo che l'attuale proprietario la portò con sé in Francia. Quest'ultimo ha infatti sabbiato il telaio riverniciandolo in Blu Santorini (in orgine era nero), ha dato una "spolverata" a motore e trasmissione e infine cambiato le gomme.

SECONDO RESTAURO NEL 2020: MOTORE AGGIORNATO

Nel 2020, la GS da competizione ha poi subìto il secondo processo di restauro. L'impianto frenante è stato completamente rifatto e il propulsore è satto dotato di un kit Siebenrock da 1000cc e anche di una nuova coppa dell'olio. Complessivamente sono stati spesi 17.000 euro per portare a termine il lavoro.

UNA FIRMA D'AUTORE SUL SERBATOIO

La R80 GS Paris Daker all'asta ha avuto quattro proprietari prima dell'attuale, con 21.000 km già percorsi. Una chicca: sul serbatoio è presente la firma di Gaston Rahier, vincitore della Dakar nel 1984 e 1985 proprio in sella alla R80 GS. La moto viene offerta all'asta senza riserve, ma si presuppone che per aggiudicarsela serva una cifra che vada da 30.000 a 50.000 euro.

Moto in fiamme a Passo di Rombo: cosa è rimasto dopo l’incendio