Combustioni sempre più pulite in casa Honda. La casa di Tokyo ha in cantiere un sistema di accensione in pre-camera che dovrebbe consentire di ottenere combustioni con miscele relativamente magre. Questo nuovo sistema di pre-accensione non è del tutto inedito e sfrutta l'esperienza fatta sui propulsori di F1.

L'iniezione diretta sul 2T

COME FUNZIONA L'ACCENSIONE IN PRE-CAMERA HONDA

La combustione in precamera, come quella utilizzata dagli attuali motori F1, è una soluzione che consente alla candela di accendere la miscela aria/carburante in una "sacca" decisamente contenuta e dove abbiamo un rapporto stechiometrico molto ricco. Questa piccola sacca (la pre-camera) ha delle aperture che consentono ai getti di quella miscela di entrare - una volta avvenuta l'espansione dei gas - nella camera di combustione principale, dove vige un ambiente con una miscela decisamente magra, realizzando così una seconda e definitiva espansione. Il tutto consente di ottenere un motore più efficiente sotto il profilo delle emissioni di incombusti.

CAMERA ROTANTE

Dai disegni relativi al brevetto, e pubblicati dai colleghi di Bike Social, si nota una sorta di camera mobile, rotante, che a fasi stabilite apre verso la candela la "sacca" nella quale avviene una prima iniezione di combustibile e realizzando un rapporto benzina/aria molto ricco.

Durante la fase di compressione del pistone, la camera ruota per presentare una sezione chiusa in camera di combustione principale, mentre un piccolo foro (65 nella foto), vicino all'iniettore, della precamera si apre per consentire uno spruzzo di carburante extra. Una volta scoccata la scintilla i gas fuoriescono a getto in camera principale attraverso dei forellini provocando la seconda accensione in ambiente molto povero di combustibile.

Il brevetto Honda sfrutta due iniettori: uno principale che manda il combustibile in camera di scoppio, ed uno secondario demandato alla pre-camera.
Questa tecnologia potrebbe presto debuttare sui propulsori di nuova generazione per fare fronte alle sempre più restrittive norme anti-inquinamento. Una tecnologia che ben si presta a molteplici aplicazioni, sia "utilitarie" che "sportive".

Honda Vision 110: spirito easy e consumi da record