La nuova Ducati Multistrada V4 è appena arrivata sul mercato e con la quarta generazione ha fatto un notevole balzo in avanti riguardo leggerezza, potenza e consumi. Quello che resta invariato rispetto al passato, invece, è il lavoro che la Casa di Borgo Panigale porta avanti al fianco di Pirelli: fin dal 2003 i due brand guardano nella stessa direzione per l’offerta Multistrada.  

PIRELLI DAL 2003

Pirelli offre alla Ducati pneumatici sempre più evoluti, che garantiscono un contributo importante alle prestazioni e alla sicurezza della moto. La prima Multistrada presentava gomme Pirelli Scorpion Sync; nel 2010, la seconda generazione montava Pirelli Scorpion Trail. Due anni dopo, la Multistrada 1200 è stata la prima a vantare i Pirelli Scorpion Trail II, un connubio che prosegue anche sulla più recente versione della maxi enduro. Scorpion Trail II è affiancato da Scorpion Rally STR e Scorpion Rally, finalmente omologati per moto.

Novità Ducati 2021, arrivano nuove Scrambler e XDiavel

MISURE DI RIFERIMENTO

Multistrada V4 è equipaggiata con Scorpion Trail II nelle misure 120/70 ZR 19 M/C 60W TL (D) anteriore e 170/60 ZR 17 M/C 72W TL (U) posteriore, una specifica sviluppata appositamente per l’ultima nata della famiglia Ducati. Le misure sono ormai un riferimento nella categoria maxi enduro e sono le stesse anche per i pneumatici Scorpion Rally STR e Scorpion Rally, pensati per un utilizzo offroad. Le possibilità per i modelli Multistrada V4 S e V4 S Sport sono due: cerchi in lega leggera o cerchi a raggi, che vengono direttamente assembrati in fabbrica.

VISTI DA VICINO

Scorpion Trail II è la giusta sintesi tra un pneumatico offroad e uno sport Touring. Undici vittorie, negli anni, nelle comparative pneumatici enduro stradali dal 2015 ad oggi. Scorpion Rally STR riesce a unire le prestazioni di una gomma da competizione rally con le caratteristiche di un pneumatico da enduro street: look aggressivo e versatilità per un giusto equilibrio on/off-road. Scorpion Rally vince su terreni che vanno dalla sabbia soffice alla pietra dura, deve la sua filosofia alla Dakar e ai rally nel deserto; negli anni, Pirelli si è diretta verso misure destinate ad equipaggiare le enduro stradali di grossa cilindrata, grazie all’evoluzione dei modelli in tutti gli aspetti: struttura, disegno battistrada, profilo, mescole. Le misure sono state progettate per garantire maggior trazione, resistenza allo strappo e minor consumo dei tasselli, mantenendo la proverbiale stabilità su strada anche ad alta velocità e a pieno carico.

Nuova Ducati Monster: si avvicina il debutto