L'heritage è una realtà consolidata. Tante le proposte delle Case costruttrici che interpretano il fenomeno in modi e declinazioni molto diverse. C'è chi si ispira agli Anni Settanta, chi ai Sessanta, chi agli Ottanta. Ma c'è anche chi crea degli ibridi stilistici che, prendendo spunto da un passato indefinito, guardano a un futuro da costruire. Nel mondo delle proposte retrò sembrerebbe esserci ancora spazio di manovra nell'ambito delle crossover. In questo frangente l'offerta è ridotta e affidata a qualche accattivante scrambler. Tra le poche proposte vanno segnalate la Moto Guzzi V85 TT e la maxi in copertina dello speciale di In Moto Custom&Vintage, la Suzuki V-Strom 1050 XT, degna erede di quella DR 750 S Big che fece capolino nel mercato alla fine degli Anni '80. Una moto che prendeva le mosse dalla cugina impegnata alla Parigi-Dakar con Gaston Rahier, la DR/Z.

Oggi, il mercato delle crossover, ha imboccato nella grande maggioranza dei casi strade diverse, che parlano di asfalto e comode trasferte autostradali. La stessa Parigi-Dakar, ai giorni nostri, è qualcosa di diverso da quella di allora. Rimane il fatto che il becco che caratterizzava la DR Big è ancora lì a simboleggiare un'epoca. In una specie di universo parallelo, sempre in quegli anni un'altra moto stava scrivendo pagine della storia delle due ruote, stiamo parlando della Katana. Realizzata sempre dall'azienda giapponese, questa maxi stradale giocò un ruolo chiave nell'evoluzione del design. Due mezzi che oggi trovano due eredi altrettanto qualificate.

Il mercato dell'heritage, come detto, è piuttosto articolato. Due i contenuti proposti in questo speciale per orientarsi tra le tante proposte: un dossier che mostra tutte le proposte del mercato e una comparativa che analizza tutte le proposte retrò sotto gli 800 cc. E poi spazio ai preparatori di tutto il mondo: perché spesso, nel settore del vintage, le idee migliori nascono nelle officine degli artigiani.