Brembo corre ai ripari. In corso un richiamo su vasta scala su moto che adottano i sistemi dell'azienda bergamasca come primo equipaggiamento. I problema risiede nel materiale d'attrito delle pastiglie fornite dalla società giapponese Tungaloy Corporation.

I MOTIVI DEL RICHIAMO 

Nello specifico, da alcune analisi effettuate insieme ai tecnici Tungaloy sono state riscontrate problematiche tecniche di prodotto che non garantiscono la rispondenza con quanto richiesto dalle specifiche dell'azienda bergamasca. L'alta concentrazione di nichel nel composto di attrito non favorisce il corretto processo di sinterizzazione e di conseguenza provoca una riduzione della percentuale dell'area adesiva. Inoltre una elevata porosità può portare all'infiltrazione di acqua tra la piastra metallica e il materiale di attrito, con corrosione superiore al massimo tollerabile con rischi per un distacco del materiale.

Brembo ha quindi sta avvisando tempestivamente tutti i clienti coinvolti dal problema: coloro i quali posseggono delle moto con pastiglie freno prodotte da Tungaloy Corporation, è stato (o sarà presto) chiamato alla sostituzione del pezzo presso il concessionario più vicino.

Fase 2, concessionari riaprono dal 4 maggio: come comportarsi?

Il lavoro da realizzare non è dispendioso: si tratta solamente di rimpiazzare un pezzo con un altro. Ma di certo andrà a coinvolgere un vasto numero di motociclette, dato che Brembo è uno dei brand leader nel settore e i suoi prodotti vengono utilizzati da innumerevoli Marchi a due ruote.