Confronto interessante quello effettuato dal Touring Club Svizzero (TCS) sugli pneumatici. Sono state paragonate le prestazioni delle gomme estive con quelle invernali, utilizzando due scooter Yamaha N-Max, con un risultato sorprendente.

IL COMUNICATO - Come riporta il sito netbikersitalia.it, nel comunicato non si specifica quali siano i pneumatici testati, ma quelli estivi sono quelli di primo equipaggiamento dello scooter. Le prove si sono svolte su vari tipi di terreno: sempre in condizioni invernali, su fondo asciutto, bagnato e innevato. Secondo il comunicato, “frenando a fondo a 100 km/h sull’asciutto, si è riusciti ad arrestare lo scooter con gomme estive, dopo 43 metri, mentre ne sono occorsi 56 per quello che montava comme invernali. Sul bagnato (80-0 km/h,5° C), i risultati sono stati simili: lo scooter con pneumatici estivi si è fermato dopo 27 metri, contro i 36 metri per quello con gomme invernali”.

NEVE - Sulla neve, invece, le gomme invernali fanno quello che sono chiamate a fare: dopo una frenata a fondo a 40 km/h lo scooter si è fermato dopo 16 metri, mentre con l’equipaggiamento estivo ci è voluto il doppio: 30 metri per arrestare il mezzo. “La gomma invernale ha affrontato perfettamente anche diverse manovre di evitamento di un ostacolo sulla neve”, ha confermato il comunicato.

ESITO - La conclusione a cui giunge il TCS è che i pneumatici invernali siano effettivamente efficaci al massimo solo in condizioni di pavimento innevato; per tutte le altre condizioni di terreno, le gomme estive rendono di più anche con basse temperature.

DIVIETO - Il test è stato effettuato in Svizzera, mentre in Italia la situazione è diversa alla base: in caso di neve o ghiaccio non c’è l’obbligo di gomme adatte, piuttosto è vietata la circolazione su due ruote per tutelare l’incolumità dei conducenti. Tuttavia, il confronto ha rivelato un esito inaspettato, soprattutto se si pensa che per le automobili è notorio che al di sotto dei 7°C le gomme da neve siano più performanti di quelle estive.