Uno scooter in grado di restare in piedi da solo e compiere alcune manovre grazie al controllo vocale del proprietario. Sono queste le caratteristiche principali che contraddistinguono il prototipo di scooter elettrico realizzato dalla startup indiana Liger Mobility.

IL MEZZO É DOTATO di un giroscopio che, combinato con una rete di sensori posizionati in vari punti del veicolo, permette allo scooter di mantenersi sempre in posizione verticale con o senza conducente e anche in situazioni di guida particolari come quando sale un passeggero o ci si ferma a uno stop. Giroscopio e sensori, infatti, sono in grado di compensare le forze laterali e riportare al centro il baricentro dello scooter, mantenendolo sempre in posizione eretta. Un dispositivo che, stando ai fondatori di Liger Mobility, Ashutosh Upadhyay e Vikas Poddar, è compatibile con la gran parte degli scooter attualmente in commercio a un costo limitato e tale da aumentare di poco il prezzo di vendita.

Assicurazione Moto e Scooter: quanto si risparmia con la familiare

OLTRE ALLA CAPACITA' di restare in equilibrio,lo scooter Liger Mobility dispone anche di un sistema di richiamo vocale che gli consente di compiere autonomamente una serie di manovre come uscire da un parcheggio in retromarcia o posizionarsi nel punto desiderato dal proprietario. Un'innovazione, senza dubbio scenografica e d'impatto visivo che, combinandosi con la citata tecnologia di auto balancing ha, tuttavia, come obiettivo primario quello di aumentare la sicurezza di guida in una nazione, come l'India, in cui l'elevato numero di mezzi circolanti a due ruote, nelle grandi città, è una delle cause principali di traffico congestionato e incidenti stradali.