Ci sono volte in cui “la matita” di Oberdan Bezzi punta dritta al cuore, scatenando ricordi e suggestioni dal passato, presi e miscelati sapientemente con la produzione motociclistica contemporanea. Come nel caso di questa YZR-09 Endurance che assorbe tutto il fascino delle Yamaha impegnate nei campionati Endurance durante i fantastici ‘90, sfruttando la base tecnica (motore e telaio) della pepata naked 3 cilindri MT-09 (QUI la nostra prova).
Quasi un suggerimento, come a dire: vedete? Si può fare!

B SIDE - Per aggiungere un pizzico di cattiveria (e modernità) in più alla sua YZR-09 Endurance Bezzi sfrutta molto abilmente particolari che richiamano l'aggressiva M1 impegnata nel Campionato mondiale MotoGP, senza però farsi prendere la mano e snaturare l’atmosfera ‘90s. Ok quindi a serbatoio, cupolino e convogliatore dell’aria ispirati al prototipo, ma tutto il carattere della mitica FZR 750R (l'indimenticabile OW1, costruita mettendo a frutto l’esperienza maturata alla 8 ore di Suzuka) esplode prepotente non appena si poggia lo sguardo sul posteriore.

L’IDEA CHE ISPIRA IL PROGETTO - Ruote a raggi con disegno a Y, monobraccio che lascia la ruota posteriore in bella vista, sospensioni sofisticate. Ma quelli di Oberdan sono solo suggerimenti, perché alla base della sua idea c’è una sorta di “moto kit” con cui poter partecipare alle gare di endurance: in poche parole, unità motoristica e telaio strettamente di serie dalla MT-09, lasciando liberi i team di sviluppare secondo preferenze il mezzo, scegliendo ruote, freni, sistemi di sospensioni, etc.

AVERNE UNA IN GARAGE... - Secondo Oberdan, è questo il modo giusto per livellare i valori, abbattere i costi, senza però precludere una ricerca tecnica e di messa a punto da parte dei partecipanti. Idea interessante, ma che non fa passare in secondo piano la personalità estetica del concept proposto: sarebbe bello vederlo un giorno pronto per la produzione di serie, esattamente così.