Aprirà al pubblico lunedì 1° marzo il bando di Regione Lombardia per richiedere contributi all’acquisto di veicoli a zero o bassissime emissioni. La misura da 36 milioni di euro (18 per il 2021 e altrettanti sul 2022) è stata promossa dall’assessore all'Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo. Tra l’altro, prevede una dotazione specifica riservata ai soli veicoli elettrici della categoria L, vale a dire ciclomotori, scooter, motocicli, tricicli e quadricicli. 

Lo ricorda Confindustria ANCMA, l’Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori, che plaude all’iniziativa del governo regionale, e sottolinea “l’importanza della misura per il valore ambientale e per consolidare il trend di crescita significativo delle due ruote elettriche registrato nel 2020”. 

Un 2020 di successo per il settore elettrico

Malgrado l’emergenza sanitaria e le difficoltà congiunturali – sottolinea l’Ancma -, l’anno scorso si è chiuso per la prima volta fortemente in positivo per tutti i segmenti del settore elettrico. Per la prima volta ciclomotori, scooter e moto hanno superato i 10mila veicoli immatricolati, facendo segnare un +84,5%. Prestazione che potrebbe però essere stata influenzata anche dalla costituzione di nuove flotte.

Entrando nel vivo dei dati, la crescita del 2020 più significativa in termini percentuali è stata quella degli scooter, che con 6.088 pezzi hanno segnato un +268,8% sul 2019. Seguono le moto con +125,7% (377 veicoli), e i ciclomotori, i quali, con 4.378 pezzi chiudono l’anno a +8,3%. Positivi anche i quadricicli, che con 710 veicoli immatricolati raggiungono un +10,5% sul 2019. 

 Un orientamento che secondo ANCMA è “destinato a crescere, proprio per l’importanza del ruolo che le due ruote giocano nel futuro della mobilità, soprattutto in ambito urbano. In particolar modo a Milano dove, anche grazie alla spinta della sharing mobility e degli incentivi statali, i veicoli elettrici a due ruote hanno registrato una crescita che supera il 680% sul 2019”. 

I dettagli del bando della Regione Lombardia

Il bando di Regione Lombardia è destinato alle persone fisiche (no società) residenti in Lombardia e rimarrà aperto fino al 31 dicembre, salvo esaurimento del fondo. Gli incentivi coprono il 30% del prezzo di acquisto IVA esclusa, fino a max. 3.000 euro se si rottama un'auto, il 20% del prezzo di acquisto IVA esclusa fino a max. 2.000 euro se si rottama un veicolo di categoria L,e il 10% del prezzo di acquisto IVA esclusa fino a max. 1.000 euro se non si ha nulla da rottamare. 

 I contributi di Regione Lombardia sono cumulabili a quelli statali. Di seguito un esempio pratico su un veicolo dal costo, IVA inclusa, di 3.050 euro: con incentivo statale + regionale senza rottamazione verrebbe a costare 1.945 euro, mentre il costo del veicolo con incentivo statale + regionale con rottamazione veicolo L sarebbe invece di 1.480 euro.

 Maggiori informazioni sono disponibili al sito di Regione Lombardia nella sezione bandi.

Mercato 2020: la moto batte il Covid